Addio al patrón di Redoro: Mario Salvagno è morto all'ospedale di Borgo Trento

Era ricoverato dal 13 marzo, quando sbatti violentemente la testa su uno spigolo di marmo in seguito ad una caduta. Da allora il 79enne non ha più ripreso conoscenza e alle 2.45 di questa notte il cuore ha smesso di battere

Caduta da una scala mentre potava le sue creature, gli ulivi, era stato portato d'urgenza al Polo Confortini, dove questa notte è morto. 
Mario Salvagno, patron di Redoro, si è spento intorno alle 2.45 nel suo letto all'ospedale di Borgo Trento. Il brutto incidente del 13 marzo, che lo aveva visto sbattere violentemente la testa su uno spigolo in marmo, non aveva lasciato molte speranze fin dall'inizio e durante la notte è arrivato il triste epilogo. Salvagno non aveva più ripreso conoscenza da quel giorno: la sua vita si conclude quindi a 79 anni, durante la quale è riuscito a portare al successo la sua azienda, costruendosi un piccolo impero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va allo Spi per un controllo: 70enne scopre che l'inps gli deve quasi 37 mila euro

  • Protagonista del servizio di "Striscia la Notizia", aggredito e derubato in città

  • Illasi, non digerisce un commento negativo della suocera e l'accoltella

  • Boato nella notte a Verona: bancomat assaltato e ladri in fuga col denaro

  • Scomparso da Sant'Ambrogio di Valpolicella, 18enne ritrovato a Portici

  • Controlli notturni dei carabinieri di Legnago e San Bonifacio per contrastare i furti in casa

Torna su
VeronaSera è in caricamento