Sabato, 16 Ottobre 2021
Cronaca San Martino Buon Albergo / Via Cà Nove Marcellise

Verona, morta a 96 anni Lidia Invernizzi: era proprietaria di Villa Girasole, prima casa girevole al mondo

Era la figlia dell'ingegnere Angelo Invernizzi, che progettò l'abitazione di San Martino Buon Albergo, ritenuta dagli esperti uno dei più privoluzionari capolavori architettonici del XX secolo. Ora si pensa al rilancio

Lidia Invernizzi, figlia dell’ingegnere Angelo Invernizzi che progettò Villa Girasole, primo esempio al mondo di casa girevole, è morta sabato scorso all’età di 96 anni. Si è spenta a Genova, dove viveva, pur mantenendo uno stretto legame con Marcellise, località di San Martino Buon Albergo in cui si trova la villa costruita tra il 1929 e il 1935 dal padre.

“Ho conosciuto Lidia Invernizzi all’inizio del mio primo mandato da sindaco, insieme agli architetti Botta e Galfetti che facevano parte della fondazione Invernizzi – ricorda il primo cittadino di San Martino Buon Albergo Valerio Avesani -. Mi resi conto subito che aveva un amore sconfinato per la villa, per lei era al tempo stesso croce e delizia perché sperava di consegnarla nella mani giuste: il suo obiettivo era quello di far tornare a splendere questo gioiello dell’architettura”.   

Oggi la villa e la tenuta sono di nuovo veronesi grazie alla Fondazione Cariverona, a cui di recente è stato affidato il bene, che per lungo tempo è stato di proprietà della fondazione Invernizzi, di cui faceva parte l’Accademia di architettura di Mendrisio, in Svizzera. “Adesso che la signora non c’è più sentiamo un forte senso di responsabilità verso di lei e verso la casa girevole”, aggiunge Avesani. La villa era in grado di ruotare su se stessa compiendo una rotazione di 360 gradi seguendo il movimento del sole: il meccanismo, che attualmente non è funzionante, permetteva alla casa di compiere un giro completo su stessa in 9 ore e 20 minuti. “Grazie a questo meccanismo la villa era sempre esposta al sole con un notevole risparmio energetico. Un progetto tanto ambizioso quanto precursore delle più moderne tecnologie”.

Secondo il sindaco “Villa Girasole può diventare un punto di riferimento nel Veronese per un turismo di tipo visitazionale. Con la fondazione Cariverona condividiamo il percorso da attuare affinché si realizzi il sogno della signora: la villa girevole deve diventare un luogo curato, ma allo stesso tempo visitabile dai cittadini per dare lustro al nostro territorio e in particolare alle idee antesignane dell’ingegnere Angelo Invernizzi”. 

IL DOCUMENTARIO DELL'ISTITUTO "LUCE" SU VILLA GIRASOLE

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, morta a 96 anni Lidia Invernizzi: era proprietaria di Villa Girasole, prima casa girevole al mondo

VeronaSera è in caricamento