menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il questore di Verona, Vito Danilo Gagliardi posa un germoglio di vite vicino al monumento dei caduti, in questura

Il questore di Verona, Vito Danilo Gagliardi posa un germoglio di vite vicino al monumento dei caduti, in questura

Verona, messa per il santo patrono e celebrazione dei caduti: la polizia in festa. "Verona città sicura"

Funzione per San Michele Arcangelo in basilica. Il questore Gagliardi "Crimini in netto calo. Nell'adempimento della nostra missione professionale, non potremmo riuscire se non sostenuti da un costante appoggio dei veronesi"

Si è svolta lunedì mattina, nella suggestiva cornice della basilica di Sant’Anastasia a Verona la cerimonia con la quale gli agenti della questura  hanno onorato il santo patrono della polizia di Stato, San Michele Arcangelo. Nel Nuovo Testamento, San Michele è presentato come avversario del demonio, vincitore dell'ultima battaglia contro Satana e i suoi sostenitori ed anche per questa ragione è stato proclamato patrono e protettore della polizia da Papa Pio XII il 29 settembre 1949 "per la lotta che il poliziotto combatte tutti i giorni come impegno professionale al servizio dei cittadini".

La messa è stata officiata dal vescovo di Verona, monsignor Giuseppe Zenti, alla presenza di numerose autorità cittadine. La cerimonia è stata quest’anno impreziosita dall’intervento non solo del tenore della polizia, Paolo Restiotto, ma anche dei musicisti del Centro italiano musica di Verona, le cui note hanno accompagnato i momenti più toccanti della messa. Tanta la partecipazione quest’anno e tanta la felicità espressa dalla parole del questore, Vito Danilo Gagliardi: “Molto ci sono voluti essere vicini in questo momento a noi così caro. Per loro autorevole tramite, percepiamo la presenza che i cittadini di Verona non hanno mai smesso di dimostrare nei confronti del personale della polizia di Stato e della Questura. Nell’adempimento della nostra missione professionale, non potremmo compiutamente riuscire se non sostenuti da una costante e convinta motivazione. Ed è proprio lì, nell’abbraccio con la cittadinanza tutta, che il poliziotto, anche nel momento della fatica e dello sconforto, ritrova sempre la forza di compiere, sorridendo, la propria missione”. Il capo della polizia di Verona ha ribadito, a margine della messa, che la città è e rimarrà sicura: "La criminalità è ai minimi storici - ha spiegato Gagliardi -. Alcuni episodi minori non si possono debellare perchè sono quasi fisiologici in una città medio-grande. Non ci sono più attività efferate: è oltre un anno che non registriamo rapine violente anche grazie alle attività di contrasto messe in campo e che si son rivelate efficientissime. Anche in provincia la situazione dell'ordine pubblico è assolutamente tranquilla".

Sempre lunedì mattina, in questura, prima della funzione religiosa, nei giardini dove si trova la stele dedicata ai caduti veronesi della polizia di Stato, è stato piantato un germoglio di vite, donato per l’occasione da un nota casa vinicola locale. Ad ispirare il noto enologo della nostra provincia “la vite e la terra, elementi preziosi di tutto il ciclo della vita, che esprimono la forza e la bellezza della natura”. Un gesto nobile e di profonda generosità che è stato subito colto ed apprezzato da Gagliardi che ha inteso piantare il virgulto proprio là dove ad imperitura memoria sono ricordati i nomi di coloro che, in nome della legalità, la vita l’hanno donata. "Come il tralcio rimane unito alla vite, così il poliziotto è fedele ai valori che protegge": un credo professionale che richiede passione per un lavoro faticoso, un “saper fare” che deriva dalla consapevolezza di operare per il bene comune.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    Pasta di legumi: benefici e ricetta

  • social

    Aperti online i Casting dello Zecchino d’Oro

  • social

    L'Acqua in uno scatto: concorso a premi

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento