Cronaca Centro storico / Piazza dei Signori

Verona, mercatini di Natale: folla nelle piazze veronesi. Quasi 2 milioni di visitatori. Si pensa in grande

Il boom nel finesettimana del derby Hellas-Chievo. Mediamente 150mila ingressi in città in ciascuna delle giornate festive a fronte dei 30mila dei weekend "normali". Nuovi progetti per le prossime edizioni

I buoni presupposti si sono rivelati al primo weekend pre-natalizio, quando durante il “test” del piano traffico dopo l’installazione dei mercatini erano accorse 40mila persone. Poi sempre di più, fino a toccare, in cinque settimane di presenza nelle piazze storiche, quasi 2 milioni di accessi alla città. I dati vengono raccolti dalle 13 centraline di rilevamento e misurazione posizionate sulle principali vie di accesso alla città, e poi elaborati dal settore Mobilità e Traffico del Comune. Lo scorso weekend i mercatini di Natale presenti in centro storico (in piazza dei Signori, Cortile Mercato Vecchio e Cortile del Tribunale) e il derby Hellas - Chievo hanno portato in città “eserciti” di visitatori: 237mila 700 i veicoli registrati sabato e 200mila 800 domenica. Generalmente gli ingressi di un giorno festivo, senza eventi particolari, non superano quota 30mila veicoli. Mediamente, ha calcolato il Comune, si sono registrati 150mila ingressi per ciascuna delle sette giornate festive o semi-festive del week end. Non ha fatto eccezione lo scorso finesettimana. Per ora i dati rilevati sono quelli dei parcheggi del centro: 130mila ingressi.

Da tutte le regioni e province. E ovviamente non sono mancati i turisti stranieri. Secondo le stime dell’assessore al Commercio, Enrico Corsi, i musei avrebbero registrato un 50% in più di ingressi, nelle giornate di festa, rispetto allo scorso anno. E ora la strategia del Comune si divide in due: la prima è il “gemellaggio” sempre più stretto con Norimberga, in Germania, la città dei mercatini tradizionali. La seconda è incremento dell’indotto della folla di visitatori in questo periodo dell’anno. Nel primo caso, come spiega L’Arena, ci sarebbero stati contatti tra le due amministrazioni cittadine per installare due webcam, nelle rispettive piazze, per avvicinare ancora di più i visitatori nel momento magico del Natale. C’è inoltre l’ipotesi di permettere alle bancarelle di restare in piazza per un periodo più lungo. Alcuni avrebbero “azzardato” fino al 6 gennaio. Circa l’indotto, il Comune vuole che le ricadute siano su tutte le attività economiche cittadine, nessun settore escluso. Solitamente quella dei mercatini è una giornata da “toccata e fuga”. A rimanere contraddetti sarebbero così gli albergatori. Anche per loro, a breve, sarà preparato un sondaggio sul Natale a Verona. La città scaligera sfida Merano e Bolzano. E insomma, devono ancora finire le feste che si pensa all’edizione dell’anno prossimo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, mercatini di Natale: folla nelle piazze veronesi. Quasi 2 milioni di visitatori. Si pensa in grande

VeronaSera è in caricamento