Verona, maxi operazione contro gli abusivi sul Garda: vu' cumprà in fuga travolge bimba di 8 anni

I carabinieri del litorale, assieme alle pattuglie della polizia municipale, sono riusciti stavolta a fermare e identificare 10 cittadini senegalesi. Sequestrata merce per circa 25mila euro. La piccola ha riportato una frattura

Maxi operazione contro i venditori abusivi a Peschiera del Garda. Il tema del contrasto al commercio illegale, molto sentito in tutta la regione dopo le recenti dichiarazioni del presidente Luca Zaia e del ministro dell'Interno, Angelino Alfano, in realtà non è mai uscito dalle priorità delle Forze dell'ordine scaligere. A muovere i passi per un blitz sono state anche le numerose segnalazioni di cittadini, turisti e negozianti che ad inizio settimana (la più importante in termini di afflusso turistico) avevano notato un incremento degli ambulanti. Sparpagliati su tutto il lungolago, avevano messo in piedi quella che era stata considerata una zona "franca" per l'impossibilità delle pattuglie in auto di raggiungerla, vista l'area pedonale.

I carabinieri del litorale comandati dal capitano Francesco Milardi, d'accordo con le pattuglie della polizia municipale, sono riusciti stavolta a fermare e identificare 10 cittadini senegalesi. A rimetterci però, non sono stati solo loro, ma anche una bimba di 8 anni, travolta da un "vù cumprà" in fuga dalle divise. Gli ambulanti si erano organizzati in settori: chi vendeva merce in pellame contraffatto, chi intrecciava capelli, altri ancora che si occupavano di massaggi e chi millantava doti di preveggente. Alcuni altri erano impiegati come sentinelle. Sarebbe stata una di queste a dare l'allarme all'arrivo delle divise e che ha innescato il fuggi-fuggi generale. Così, almeno una dozzina di uomini hanno scavalcato la recinzione del campeggio "Bellitalia" e hanno tentato di far perdere le tracce.

Erano giunte le 23 di martedì, poi, quando la piccola tedesca Madita, presente con la famiglia che passa da molti anni le vacanze sul lago, stava correndo sul monopattino all'interno del camping quando si è trovata di fronte uno di loro che, non riuscendola ad evitare, le è corso addosso, facendola cadere e fratturandole il braccio. Successivamente bloccato, è stato riunito al gruppo di connazionali. Spetterà alla bimba, ricoverata nella clinica "Pederzoli" per la frattura dell'omero riconoscerlo tra gli altri fotosegnalati. La maggior parte di loro era senza documenti e non aveva alcuna autorizzazione al commercio. La merce che vendevano è stata sequestrata e ammonta a circa 25mila euro: centinaia di portafogli, borse, 300 paia di occhiali, decine di cinture e centinaia di collane (tutta roba rigorosamente contraffatta). A vario titolo sono stati denunciati per commercio abusivo, violazione delle norme sull'immigrazione e occupazione di suolo pubblico. In tutto, spiegano i carabinieri, i venditori appostati in zona sarebbero stati almeno una trentina.

IN CITTA' - Un altro venditore abusivo è stato invece fermato lunedì pomeriggio in piazzale Maestri del Commercio, a Verona, mentre proponeva oggetti di vario tipo ai turisti di passaggio ed ai passeggeri dei bus. L’uomo, 41enne di nazionalità senegalese, da un controllo è risultato privo di qualsiasi autorizzazione alla vendita. Gli agenti della polizia municipale hanno quindi sequestrato 38 paia di occhiali da sole, 10 torce elettriche, 3 orologi da polso, 11 collanine, 30 braccialetti, 17 accendini e tre penne laser. All’uomo è stata contestata la violazione delle norme sul commercio itinerante. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La città di Verona con le sue inestimabili meraviglie diventa protagonista in tv sulla Rai

  • A Verona la migliore escort dell'anno 2019: «Prima facevo l'aiuto cuoco»

  • Vince 75mila euro a L'Eredità e si taglia i capelli con Flavio Insinna

  • Possibili rischi per la salute, ritirato formaggio prodotto a Cerea

  • Donna morta annegata nella Bassa veronese: recuperato il cadavere

  • Omicidio a Verona: ammazza una 51enne e confessa due giorni dopo

Torna su
VeronaSera è in caricamento