Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca Borgo Roma / Via Legnago

Verona, 23enne massacrato di botte in strada da due coetanei e una ragazza

Secondo spedizione punitiva nei suoi confronti dopo quella di 15 giorni fa. Il gruppo lo accusava di aver derubato la madre della giovane della borsetta. Alle tre di notte lo hanno fermato e pestato a sangue

Lo hanno pestato a sangue fino a mandarlo in ospedale. Per ben due volte si erano accaniti su di lui con pugni e calci e la seconda aggressione si è rivelata un vero e proprio massacro. Protagonisti della vicenda due ragazzi di 23 e 22 anni, una ragazza di 19 e la vittima, 23enne veronese. I tre picchiatori, tutti residenti a Verona, sono accusati di lesioni personali aggravate e sono stati arrestati durante l'ultimo raid punitivo nei confronti del giovane. Tutto sarebbe scoppiato in seguito allo scambio di accuse con cui il gruppetto aveva incolpato il malcapitato. Un presunto furto della borsetta e di una penna ai danni della madre della 19enne sarebbe bastato per organizzare la prima "spedizione", circa due settimane fa, a metà settembre. Un'aggressione in piena regola, dalla quale il 23enne era uscito malconcio. Nulla in confronto, purtroppo, con ciò che lo avrebbe atteso mentre ancora stava cercando di medicare le prime ferite riportate al volto. Il secondo pestaggio è avvenuto in via Legnago, la notte tra martedì e mercoledì, verso le 3. Qui i tre giovani si sono scatenati, massacrando di botte e colpendo a più non posso il presunto ladro di borsette. Solo la prontezza nel chiamare il 112 l'ha salvato. Mentre cercava di chiedere aiuto è stato assalito dai tre. I suoi aggressori tuttavia non sospettavano che la chiamata venisse rintracciata e che sul posto, in un batter d'occhio, arrivasse una pattuglia dei carabinieri.

I militari, dopo aver bloccato i tre, prestato i primi soccorsi al ferito e allertato il 118, hanno finito gli accertamenti e le identificazioni in caserma. Arrestati con la pesante accusa di concorso in lesioni personali aggravate e continuate, sono stati condotti davanti al giudice monocratico del Tribunale di Verona che ne ha disposto l’accompagnamento, della ragazza e del 22enne, nelle loro abitazioni, in regime di arresti domiciliari. Per il terzo, di origini indiane, con precedenti per rapina e lesione personale, il giudice ha disposto la custodia cautelare al carcere di Montorio. I tre si dovranno presentare per l’udienza del giudizio direttissimo davanti al Tribunale di Verona il prossimo 17 ottobre. La vittima del brutale pestaggio si trova ricoverato per un trauma facciale con sospetta frattura delle ossa nasali e gravi contusioni con ecchimosi agli occhi, nonché una ferita alla palpebra superiore destra e contusioni multiple al dorso e a braccia e gambe.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, 23enne massacrato di botte in strada da due coetanei e una ragazza

VeronaSera è in caricamento