Domenica, 24 Ottobre 2021
Cronaca Bussolengo / Via Alcide De Gasperi

Verona, martello e scalpello per fare un buco e svaligiare l'ottico: tre giovani in manette, poi liberati

Un colpo da oltre 60mila euro sventato in un negozio della centrale via De Gasperi a Bussolengo. Non fossero intervenuti i carabinieri, allertati dai forti rumori, il titolare sarebbe stato ridotto sul lastrico

Furto sventato e arresto dei ladri. Si è conclusa bene l'ultima operazione dei carabinieri veronesi, ancora una volta alle prese con scassinatori e predoni notturni. Stavolta nel mirino era entrato un negozio della centrale via De Gasperi a Bussolengo. L'allarme è scattato all'1 di mercoledì mattina, quando i militari di pattuglia comandati dal maresciallo Roberto Varriale sono stati allertati a causa del rumore di forti colpi. Subito intervenuti per verificare cosa stesse accadendo, hanno sorpreso tre individui che con martello e punteruolo stavano praticando un foro nel muro perimetrale di un negozio di ottica.

Nonostante il tentativo di fuga dei responsabili, i carabinieri sono riusciti a bloccarli e li hanno arrestati. Se il furto fosse andato a segno, spiegano dal Comando di Peschiera, avrebbe presumibilmente messo in ginocchio con danni oltre i 60mila euro e costretto alla chiusura il titolare del negozio. In manette sono così finiti due moldavi di 23 e 30 anni e un 22enne rumeno. Tutti ben conosciuti alle Forze dell'ordine per reati simili e senza fissa dimora in Italia. Sono ritenuti membri di una banda di "trasfertisti", ovvero ladri professionisti che si spostano lungo le direttrici stradali del Nord Italia per mettere a segno diversi colpi anche nell'arco della stessa serata.

Mercoledì mattina sono stati giudicati per rito direttissimo in tribunale a Verona, che ha convalidato gli arresti. L'udienza è stata rinviata e sono stati rimessi in libertà.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, martello e scalpello per fare un buco e svaligiare l'ottico: tre giovani in manette, poi liberati

VeronaSera è in caricamento