Marco e Cristina erano salvi "ma Gabriel però non c'era e si sono rituffati nel fiume"

Questo il racconto che arriva dalla famiglia della ragazza, il cui corpo è stato ritrovato ieri sulle rive del Rio Maranon. Le ricerche intanto proseguono e la famiglia Magnani continua a sperare di veder tornare il 39enne

"Questa mattina (ieri, ndr) la famiglia di Cristina ci ha detto che lei e Marco inizialmente avevano raggiunto la riva sani e salvi ma il figlio Gabriel (5 anni) non c'era riuscito. Quindi, come farebbe qualsiasi genitore in questi casi, si sono rituffati insieme in quell'inferno nel tentativo di salvarlo e invece sono spariti nel nulla tutti. Un atto eroico, un gesto che racconta quanto speciali sono Marco e Cristina". Queste sono le parole rilasciate al quotidiano scaligero L'Arena di Flavio, fratello di Marco Magnani, l'imprenditore veronese scomparso nelle acque del Rio Maranon in Perù insieme alla compagna e al figlio. 
"Comunque, c'è qualche cosa che non va in tutto questo, lo scorso anno eravamo una famiglia di otto persone, poi sono morti la nonna e il papà, ora siamo in tre qui a sperare davanti ad un telefono di non restare soli, di non aver perso anche Marco, mia cognata e nostro nipote. Forse qualcuno un giorno dovrà spiegarmi tutto questo male. Ora non ci resta che attendere, le ricerche sono in corso.... In mezzo a questo disastro ringrazio gli amici che non ci lasciano un momento da soli e ci fanno sentire ancora una famiglia numerosa. Di questo Marco sarà felice quando tornerà".
Nonostante il ritrovamento del corpo di Cristina avvenuto ieri, la famiglia di Lazise si aggrappa ancora alle ultime speranze di riavere a casa almeno Marco e il piccolo Gabriel. Intanto sul Rio Maranon proseguono senza sosta le ricerche dei circa dieci dispersi tra i quali anche un bambino di quattro anni e una bimba di due. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dall'8 all'11 novembre 2019

  • Con il dottor Claudio Zorzi dell'ospedale di Negrar l'Ortopedia veronese ai vertici in Italia

  • Signora arrestata per furto di profumi nel centro commerciale "Porte dell’Adige"

  • Accoltellamento a Verona, un uomo in ospedale: caccia agli aggressori

  • Operato a Verona, un paziente ringrazia: «Ho finalmente rivisto la luce»

  • Caso Balotelli, la Curva Sud dell'Hellas Verona risponde con ironia

Torna su
VeronaSera è in caricamento