Lunedì, 18 Ottobre 2021
Cronaca Negrar / Via Valparadiso

Verona, allarme maltempo in città: forti raffiche di vento in tutta la Valpolicella

La zona si sveglia di soprassalto per le violente folate. Disagi anche sul Garda, in Valpantena e a Verona. Alberi sradicati e distributori a rischio. Forti rallentamenti per oggetti che hanno invaso la strada

 Se non è l'acqua, a preoccupare, è l'aria. Niente "allarme alluvione", stavolta, nel Veronese. Ma un'accentuata preoccupazione per un possibile tornado, quello sì. Ha svegliato centinaia di famiglie e creato non pochi danni, anche se facilmente risolvibili, il forte vento che lunedì poco prima dell'alba ha colpito la provincia di Verona, dal Benaco alla città, passando per Pescantina, San Pietro in Cariano e Bussolengo. Dalle 4 alle 10 di mattina non c'è stata pace per i vigili del fuoco. Fortunatamente non sarebbero stati segnalti gravi danni agli edifici o vittime del maltempo. Almeno 300 le chiamate ricevute e decine le squadre di Pronto intervento inviate sul posto, per un totale di un centinaio di uomini in azione. I due episodi più gravi sono stati registrati a Ospedaletto di Pescantina e a Negrar.

Nel primo caso a preoccupare è stato il tetto di un distributore di benzina in via Ospedaletto, nei presi di Villa Quaranta, quasi divelto dalle colonne ancorate all'asfalto, mentre nel secondo caso, nella stretta via Valparadiso, un albero di 15 metri ha ceduto alle forti raffiche, sradicandosi e cadendo al suolo. In generale tutta la Valpolicella è piombata nel caos: pedoni e automobilisti si sono ritrovati a dover schivare e raccogliere rami spezzati, foglie, sporcizia e mobilia da giardino. Tutto catapultato sulla strada e fuori dalle cancellate. Inevitabili, dunque, i rallentamenti al traffico e altre chiamate al 115. In molti casi gli interventi dei pompieri sono risultati di "rinforzo" ma non di soccorso, poiché le segnalazioni riguardavano giardini privati e campi e la responsabilità di eventuali danni a cose, persone o animali ricade interamente sui proprietari dei fondi. Oltre gli alberi caduti sono stati segnalati cartelloni pubblicitari semidivelti, cavi elettrici e tralicci messi fuori uso. Molte abitazioni e attività commerciali sono rimaste senza energia elettrica per alcune ore.

In definitiva centinaia di metri su Strada Bresciana sono stati i più critici per quanto riguardo la circolazione stradale. A San Floriano problemi agli impianti sportivi, in particolar modo nei campi da tennis, dove il vento ha semi distrutto le coperture. Forti raffiche anche sul Garda, specialmente a Torri del Benaco e problemi anche in città, a Verona: in lungadige Galtarossa, all'altezza della sede Cisl, poco dopo le sei, un albero ha ceduto e ha ostruito il passaggio stradale. Disagi anche in zona Mondadori e a Borgo Trento.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, allarme maltempo in città: forti raffiche di vento in tutta la Valpolicella

VeronaSera è in caricamento