Verona, maltempo in tutta la provincia: la Bassa ritorna sott'acqua. Canali stracolmi

Strade allagate per le piogge incessanti a Salizzole, Pressana, San Pietro di Morubio, Villa Bartolomea. In poche ore cadono 100 millimetri di acqua e i livelli si alzano facendo preoccupare la cittadinanza

La situazione è sempre rimasta sotto controllo ma le forti ondate di maltempo hanno messo, ancora un avolta in apprensione i cittdaini veronesi. In special modo, la pioggia molto intensa di mercoledì mattina ha causato allagamenti in alcuni comuni della Bassa. Alcuni canali tra Legnago e Concamarise sono arrivati al limite della sopportazione e i vigili del fuoco sono in costante pre-allerta per ogni pericolo. Problemi sono stati segnalati anche a Villa Bartolomea, dove in poche ore sono caduti 100 millimetri di pioggia. Alcune strade sono rimaste allagate nella zona di Salizzole, in particolare nella frazione di Bionde, da tempo in sofferenza nei periodi piovosi. Martedì in trenta minuti erano scesi 70 millimetri di acqua, mandando quasi completamente in tilt la frazione. In ingresso e uscita paese le strade sono rimaste impraticabili, dato che sommersa era anche la strada principale. La viabilità è stata ripristinata verso le 18e30 ma mercoledì l'allarme si è ripetuto. Mentre si scatenavano le piogge, è arrivata comunque la notizia che, almeno a Salizzole, il Consorzio di bonifica ha pronto un progetto da appaltare per la costruzione di due casse di espansione che serviranno proprio a ridurre le piene dei canali Tregnon, Liviera e Sanuda. L'appalto arriverà a breve dopo che il progetto è stato sbloccato da un contenzioso che ne avrebbe finora impedito l'attuazione.

Problemi per allagamenti anche a San Pietro di Morubio mentre preoccupa la situazione di Pressana. Cinque strade sono state chiuse in due giorni, per ordine dell'ufficio tecnico del Comune. Stop al traffico per alagamenti in via Cadin, via Piovega, via San Francesco, via Oca e via Moraron. Anche in questo caso è stata l'acqua raccolta dai canali a dare il colpo di grazia: quello di scolo che attraversa Pressana si è rimepito a dismisura, andando a compromettere la tenuta del fiume Fratta che attraversa anche la provincia padovana.

Dopo l'annuncio di martedì della Protezione civile, la Regione Veneto ha dichiarato altre 24 ore di allarme. "Dalle ore 14 di mercoledì fino alla stessa ora di giovedì limitatamente ai comuni limitrofi all'asta del fiume Fratta".

ANCORA MALTEMPO A VERONA (da youreporter.it)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio Covid: regioni gialle, arancioni o rosse? In arrivo cambiamenti

  • Covid, ecco il "tampone multiplex": a Negrar un unico test per riconoscere tre diversi virus

  • La zona "gialla plus" di Zaia peggio di quella arancione? Commercianti aperti, senza clienti

  • Terapia anti-Covid scoperta dall'università di Verona, l'Fda la autorizza

  • Coronavirus: in Veneto 18 morti da ieri sera, Verona provincia con più casi attuali e decessi

  • Coronavirus, a Verona tornano a salire i ricoveri in terapia intensiva

Torna su
VeronaSera è in caricamento