menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Verona, lei lo licenzia dalla pasticceria, lui comincia a perseguitarla e a pedinarla: risponderà di stalking

Il 38enne pakistano aveva approfittato via-via della gentilezza della signora di 62 anni, titolare di un negozio nel Veronese. Assenze inspiegate e si infuriava facilmente. Poi aveva cominciato ad appostarsi e telefonarle di continuo

Dopo averlo assunto in pasticceria aveva cominciato a pensare che qualcosa in lui non andasse. Al di là delle assenze dal lavoro e dalle misteriose sparizioni per giorni si era reso protagonista di alcune reazioni poco rassicuranti, alterandosi e intimidendo la donna. La situazione degenerò quando la titolare del negozio decise di licenziare il dipendente. Cominciò un vero e proprio incubo costituito da minacce e pedinamenti. Partì una serie di denunce. Quasi una all’anno, dal 2007 al 2009. In un caso, terrorizzata, chiamo i carabinieri che dovettero precipitarsi nel laboratorio. Per tutti questi episodi l’uomo, 38enne di origine pakistana, è stato trascinato in tribunale dalla pasticcera 62enne. Dovrà rispondere di stalking dati gli atteggiamenti “persecutori” che mise in atto tra maggio e dicembre 2012. Fu in quel periodo che l’uomo cominciò ad appostarsi fuori dal negozio. Conoscendo gli orari quotidiani, aveva deciso di “farsi vedere” tra le 14 e le 15, ovvero quando era presente solo la titolare con un solo dipendente.

Agli appostamenti si affiancarono telefonate minacciose e persino un pedinamento fino alla chiesa dove la signora stava celebrando l’anniversario di matrimonio. Come spiega L’Arena, il processo riprenderà in dicembre.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento