menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Verona, ladri sorpresi nel parcheggio partono a razzo e speronano due auto dei carabinieri. Un arresto

Un altro violento episodio che ha coinvolto le Forze dell'ordine dopo l'inseguimento a Verona. Stavolta è toccato all'Arma di Vigasio avere a che fare con giovani furfanti che avevano svaligiato alcune case poco prima

Poco prima, all'alba, era toccato ai colleghi della polizia imbattersi in pericolosi giovani alla guida di una potente auto. Dopo essere fuggiti all'Alt era nato un inseguimento con tanto di speronamento per buttare fuori strada le pattuglie. Ma nella mattinata di mercoledì è toccato anche ai carabinieri di Vigasio. Su richiesta di un militare veronese, libero dal servizio e a bordo propria autovettura privata, sono infatti intervenuti nel parcheggio del supermercato “Eurospin” in via Trevenzuolo dove era stato notato un giovane sospetto a bordo di una Ford Focus. Il militare aveva pensato che attendesse alcuni complici e da un rapido controllo è emerso che l'auto aveva targhe false. I sospetti si sono tramutati in certezza quando, alla vista dei carabinieri in pattuglia di supporto, la Focus è partita a razzo e ha speronato contemporaneamente sia il mezzo militare che quello privato. Nonostante il tentativo di inseguimento degli stessi militari, il ragazzo è riuscito però a dileguarsi facendo perdere le proprie tracce. Agli altri due complici invece è toccata diversa sorte. Nello stesso momento in cui l'auto stava scappando sono stati sorpresi uscire da una strada laterale al parcheggio. Hanno così tentato di darsela a gambe, per la vie cittadine.

Per almeno uno di loro la fuga è durata poco. Scattata le immediate ricerche con più pattuglie dell'Arma, i due ragazzi sono stati rintracciati in un bar del paese. Nuovamente, alla vista delle divise, hanno tentato di scappare. Solo uno dei due c'è riuscito. L’altro, identificato per un giovane nomade di 24 anni, è stato tratto in arresto per resistenza a pubblico ufficiale, concorso in furto aggravato in alcune abitazioni (avrebbe ammesso ai carabinieri di aver colpito nel quartiere, e sono in corso accertamenti). Contestato anche la ricettazione di attrezzi risultati rubati nella Bassa Veronese e recuperati dai militari in un borsone abbandonato durante la fuga. Dentro c'era un flessibile.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento