Verona, ladri scatenati nel weekend: colpi da migliaia di euro in negozi, distributori e all'università

Il bilancio conta armadi di punti commerciali di elettronica svuotati di smartphone e tablet, self service di benzina danneggiati e svaligiati e persino uffici della facoltà violati. Da Soave a Castel d'Azzano fino a Verona

Razzie nel weekend e denunce a inizio settimana. Non è propriamente un agosto tranquillo per negozianti ed esercenti veronesi. In due giorni bande di ladri diverse hanno messo a segno diversi colpi sul territorio provinciale. Il bilancio conta teche del negozio di elettronica svuotate da smartphone e tablet, distributori danneggiati e svaligiati e persino uffici dell'università violati. Nel primo caso la denuncia è giunta dai responsabili del negozio "Marco Polo Expert" di via del Commercio a Soave. secondo quanto emerso dai carabinieri, pare che alcuni ignoti si siano introdotti attraverso lo scasso di un lucernario sul tetto. Si sarebbero calati fino nel punto vendita e avrebbero subito mirato all'armadio contenente dispositivi tecnologici: da lì sono scomparsi una ventina di tablet e cinque cellulari per un valore dichiarato di circa 18mila euro. Il colpo sarebbe stato commesso nella notte tra sabato e domenica o tra domenica e lunedì. L'allarme non è scattato e la segnalazione è arrivata solo nella mattinata di inizio settimana. Altro colpo invece l'hanno subito i titolari del distributore di benzina di via Garibaldi a Castel D'Azzano. Ad entrare in azione sono state quattro persone, arrivate a bordo di un furgone verso le 2e40 di lunedì mattina. Con il flessibile hanno segato la colonnina della cassa self-service e l'hanno caricata sul mezzo prima di fuggire. All'interno sarebbero stati custoditi 6mila euro in banconote.

Ultimo furto ad essere segnalato ai carabinieri di Verona è quello perpetrato nei laboratori della facoltà di Scienze motorie dell'università. Qui i ladri, sfruttando l'effrazione di una porta secondaria, sono riusciti ad entrare e a trafugare cinque personal computer e altro materiale. Il danno è in corso di quantificazione. Un altro furto è stato denunciato ancora dalle parti di Soave. A sparire un piccolo escavatore parcheggiato in via Ca' del Bosco, vicino all'isola ecologica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio Covid: regioni gialle, arancioni o rosse? In arrivo cambiamenti

  • Covid, ecco il "tampone multiplex": a Negrar un unico test per riconoscere tre diversi virus

  • Terapia anti-Covid scoperta dall'università di Verona, l'Fda la autorizza

  • Coronavirus: in Veneto 18 morti da ieri sera, Verona provincia con più casi attuali e decessi

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • Veneto verso l'arancione? Come funziona il calcolo che divide le Regioni in aree di rischio

Torna su
VeronaSera è in caricamento