Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca Oppeano / Via Croce

Influenza aviaria a Oppeano. Procede a rilento l'abbattimento dei volatili dell'azienda

I veterinari dell'Ulss 21 stanno incontrando notevoli difficoltà nell'applicare alla lettera la normativa. Solitamente infatti gli animali si trovano in allevamenti intensivi, dove non possono scappare

L'abbattimento dei volatili dell'azienda agricola Fornello di Ca' degli Oppi, contagiati dall'influenza aviaria, procederebbe "a rilento" secondo alcune informazioni giunte dalle forze dell'ordine presenti sul posto, dove il ministero della Salute ha fatto intervenire anche i carabinieri dei Nas per vigilare sulla situazione.
È da venerdì pomeriggio infatti i veterinari dell'Ulss 21 sono impegnati in questa attività. Inizialmente sono state soppresse alcune centinaia di oche e galline ma poi si sono dovuti arrendere alle difficoltà incontrate nel catturare animali volatili liberi, che forse hanno anche intuito il pericolo. Dal ministero fanno sapere che questo tipo di situazione è intollerabile e proprio per questo il suo monitoraggio è ora compito dei Nas, che dovranno far applicare alla lettera la normativa in materia di influenza aviaria. Questo nonostante le proteste dei proprietari, che dovranno veder morire tutti gli animali presenti nell'azienda, compresi 108 splendidi pavoni, per contrastare la diffusione del virus H7N1. Ma i titolari dell'azienda agricola lamentano anche il fatto di non aver mai visto le carte che attestano la positività di alcune galline e di non aver ricevuto nemmeno un campione di sangue per eseguire le controanalisi: due richieste che fanno parte dei loro diritti. In loro sostegno ieri sono giunti anche alcuni animalisti, circa una decina, che contestano l'abbattimento dei poveri volatili in mancanza di una controprova. 
Il vicesindaco di Oppeano, Alessandro Montagnoli, spiega al quotidiano L'Arena: "Siamo di fronte a un caso che mai si era verificato in Italia, ci sono enormi difficoltà per abbattere tutti i volatili". È stata infatti chiamata un'azienda specializzata nella cattura degli animali liberi, che questa mattina ha dato il via alle operazioni "ma - prosegue Montagnoli con la stampa locale - dubito che ci potrà essere una soluzione del problema in tempi brevi. È infatti molto difficile che si riescano a catturare volatili liberi su alberi altissimi o in mezzo a un laghetto. Dovremo mobilitare anche le guardie provinciali. Il ministero fa fatica a capire che siamo di fronte a un caso di animali liberi e che la loro cattura è complicata". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Influenza aviaria a Oppeano. Procede a rilento l'abbattimento dei volatili dell'azienda

VeronaSera è in caricamento