Incendio in casa a Rivoli: gravissima un'anziana e altri tre finiscono in ospedale

Una scintilla prodotta da un corto circuito della caldaia avrebbe raggiunto il divano dando vita al rogo. Letizia Pavoni, 89 anni, è stata trasportata fuori da tre uomini e ora si trova ricoverata al Centro Ustioni dell'ospedale di borgo Trento

Il fumo scuro che usciva dalle finestre dell'ultimo piano dell'abitazione di via Ragano 14, nell'omonima frazione di Rivoli, è bastato perché potesse essere dato l'allarme. 

Dopo pochi minuti anche le fiamme, alte circa tre metri, erano visibili nell'appartamento di Letizia Pavoni, 89 anni, ora ricoverata in gravissime condizioni al Centro Ustioni dell'ospedale di borgo Trento. 

Sul posto sono intervenute due ambulanze, prima quella dei volontari della Croce Rossa e poi la medicalizzata, l'elicottero di Verona Emergenza, due mezzi dei vigili del fuoco, carabinieri e forze dell'ordine. La strada provinciale limitrofa è stata chiusa per oltre due ore, con un conseguente intasamento della circolazione.

La causa dell'incendio viene attribuita ad un corto circuito della caldaia. Da li infatti sarebbe partita la scintilla che avrebbe dato fuoco al divano e successivamente al resto dell'appartamento. L'intera casa ora è stata sigillata dai carabinieri e il sindaco Mirco Campagnari domani firmerà l'inagibilità, nonostante l'edificio fosse stato messo a nuovo da poco da un'opera di restauro. 

Oltre all'anziana, altre tre persone sono finite all'ospedale: la figlia dell'ustionata, Renza, che vive a Rivoli, si è sentita male nel vedere la madre gravemente ferita. Mentre sono rimasti intossicati Federico Ferrari, che abita sempre in via Ragano, e Mauro Gandini, un ex rivolese che ieri si trovava nella frazione. I due si sono precipitati nella casa dell'anziana non appena hanno capito che era rimasta intrappolata dentro e sono riusciti poi a trasportarla sul pianerottolo esterno, grazie anche all'aiuto di un ragazzo romeno che abita nelle vicinanze. Ci ha pensato il poi il figlio, accorso non appena ricevuta la notizia, a portare la madre in strada permettendo ai soccorsi di dargli le migliori cure. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il dottor Claudio Zorzi dell'ospedale di Negrar l'Ortopedia veronese ai vertici in Italia

  • Operato a Verona, un paziente ringrazia: «Ho finalmente rivisto la luce»

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 15 al 17 novembre 2019

  • Guai per una cooperativa: scovati 240 lavoratori irregolari e 7 in "nero"

  • È di Stallavena il secondo panettone artigianale più buono d'Italia

  • Senza cinture al momento dello scontro: grave la bimba, indagata la madre

Torna su
VeronaSera è in caricamento