Verona, a Borgo Trento la rivoluzione per la cura di donne e bambini

Il padiglione ospita 31 letti di ostetricia, 24 di ginecologia con otto poltrone per infusione in pazienti di ginecologia oncologica, 22 posti di pediatria, 16 di terapia intensiva pediatrica e otto di semiintensiva

L'ospedale di Borgo Trento

Il progetto del nuovo “Ospedale della donna e del bambino” all’interno del complesso di Borgo Trento a Verona sarà realizzato in 3-4 anni, ma la filosofia di approccio integrato, clinico e logistico, alla cura delle patologie della donna e del bambino e al settore neonatale è già realtà. E’ stato infatti inaugurato mercoledì 11 settembre, dall’assessore regionale alla Sanità, Luca Coletto, il nuovo padiglione appositamente ristrutturato che ospita i reparti di ostetricia e ginecologia e di pediatria, le relative terapie intensive, gli ambulatori specialistici e gli ingressi di pronto soccorso pediatrico e ginecologico separati in tutto e per tutto, dall’accesso al triage.

IL PADIGLIONE - A partire da ottobre, nella nuova struttura, sarà anche garantita l’assistenza al parto indolore con tutte le metodiche attualmente a disposizione, farmacologiche e non. Il padiglione del materno-infantile ospita 31 letti di ostetricia; 24 letti di ginecologia con in aggiunta 8 poltrone per infusione in pazienti di ginecologia oncologica; 22 posti letto di pediatria; 16 posti letto di terapia intensiva pediatrica e 8 di semiintensiva; ambulatori visita ostetrico-ginecologici e pediatrici; ambulatori ecografici ostetrico-ginecologici; un blocco travaglio parto con 4 sale travaglio orientate al percorso della gravidanza fisiologica e 3 sale operatorie.

“Oggi – ha detto Coletto - siamo di fatto di fronte alla partenza del cammino che porterà alla realizzazione del nuovo ospedale materno infantile, ma è già realtà una rivoluzione positiva nell’approccio al settore, che migliora l’organizzazione e le cure alle donne e ai bambini e che pone ancora una volta la sanità veronese all’avanguardia. Con il Polo Chirurgico Confortini, il più grande e moderno d’Europa, e con le novità che continuano a susseguirsi a Borgo Trento e a Borgo Roma – ha aggiunto Coletto – Verona propone la sua sanità d’eccellenza non solo ai nostri cittadini ma anche all’Italia e al mondo in vista dall’apertura delle frontiere sanitarie europee”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio Covid: regioni gialle, arancioni o rosse? In arrivo cambiamenti

  • Covid, ecco il "tampone multiplex": a Negrar un unico test per riconoscere tre diversi virus

  • Terapia anti-Covid scoperta dall'università di Verona, l'Fda la autorizza

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • Tragico scontro tra auto e camion nella Bassa: morto un trentenne

  • Ordinanza Zaia: si può passeggiare al lago o in montagna? Mascherina, multe ai gestori locali

Torna su
VeronaSera è in caricamento