Verona, inaugurati i 400 posti in via De Lellis si blocca il cantiere del park all'ex Arsenale

La Soprintendenza ferma i lavori perchè manca la documentazione relativa al "diritto di superficie". Intanto le stime sull'altro parcheggio, all'ex Gasometro che conterà 449 posti auto: inaugurazione in primavera

il sopralluogo del Comune nelle aree dell'ex Gasometro

Mentre viene inaugurato il parcheggio di via De Lellis, che servirà l’ospedale Maggiore e i residenti del quartiere di Borgo Trento, c’è un nuovo stop al cantiere dell’ex Arsenale. I presagi dell’amministrazione si sono avverati all’indomani della scelta della Regione di avanzare il ricorso in Corte costituzionali del Comune di Verona contro la legge “Valore cultura” che, secondo il sindaco Flavio Tosi, concede alle Soprintendenze dei Beni culturali e architettonici poteri che ledono l’interesse cittadino.

Nell’area dell’ex Arsenale dovrebbe sorgere il terzo parcheggio interrato della città: 348 posti auto realizzati dalla stessa ditta, la Saba Italia, che nelle scorse ore ha inaugurato il parcheggio Ospedale (400 posti, 60 riservati all’acquisto dei residenti). Il cantiere era stato avviato nelle scorse settimane e si stava procedendo con i carotaggi del terreno per verificare che non fossero presenti ordigni, data l’ex natura militare dell’edificio. La Soprintendenza ha però bloccato tutto perché manca un “parere”. Quello, cioè, sul “diritto di superficie”, ossia la documentazione necessaria per permettere la costruzione degli edifici ad un terzo soggetto (in questo caso la Saba Italia). Secondo l’assessore comunale al Traffico e viabilità, Enrico Corsi, le carte saranno pronte breve. Ma fino a quel momento, come spiega L’Arena, il cantiere resterà fermo.

Quello all’ex Arsenale è uno dei due park da completare. Il più imminente riguarda l’ex Gasometro, nei pressi del cimitero monumentale e in lungadige Galtarossa, altro varco importante al centro storico. Farà spazio a 449 posti auto e 60 per pullman e bus. L’intenzioni del Comune è quella di inaugurarlo nella prossima primavera.

IL PD IN COMUNE - Sui lavori di realizzazione dei parcheggi in città la polemica tra Giunta e opposizione in Comune non i è mai sopita. Spiega Michele Bertucco, capogruppo Pd: "La realizzazione con alcuni decenni di ritardo (vedi De Lellis o Gasometro) non migliorerà di molto la condizione di congestionamento della città. Basti osservare nei giorni di manifestazioni quando alcuni parcheggi (i soliti) si riempiono subito mentre altri rimangono vuoti malgrado il centro ed i quartieri trabocchino di smog e di auto".

Continua Bertucco: "Un parcheggio infatti non sarà mai abbastanza vicino, economico e conveniente se non viene coordinato con altre misure di viabilistiche e precisi obbiettivi di mobilità. In questo senso è sintomatico che la giunta di Tosi e Corsi si appresti a portare in Consiglio il Piano generale del traffico urbano senza prima avere pensato al Piano della sosta. Come dire, abbiamo gli strumenti ma non sappiamo come usarli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va allo Spi per un controllo: 70enne scopre che l'inps gli deve quasi 37 mila euro

  • Protagonista del servizio di "Striscia la Notizia", aggredito e derubato in città

  • Illasi, non digerisce un commento negativo della suocera e l'accoltella

  • Omicidio di Isola Rizza ripreso dalle telecamere: il cerchio inizia a stringersi

  • Boato nella notte a Verona: bancomat assaltato e ladri in fuga col denaro

  • Controlli notturni dei carabinieri di Legnago e San Bonifacio per contrastare i furti in casa

Torna su
VeronaSera è in caricamento