Cronaca Via san massimo

Verona, "mi hai rotto la macchina e adesso paghi": ma è una truffa. Veronese corre ai carabinieri

L'auto che si fa superare e poi si affianca: uno specchietto malmesso come scusa sufficiente a farlo fermare per discutere. Alla fine riesce a farsi dare 100 euro ma dopo le indagini lo riescono ad individuare

Torna in città la truffa dello specchietto. I carabinieri di Verona-San Massimo hanno denunciato un 31enne residente in provincia di Siracusa che aveva raggirato un pensionato 82enne veronese con la solita truffa. Era riuscito a farsi consegnare consegnare 100 euro.

L’uomo, coem ricostruito dai militari dell'Arma, si faceva prima superare da altre autovetture e in seguito, dopo averle affiancate, mostrava ai conducenti lo specchietto retrovisore lato guida già rotto in precedenza, facendo credere di averne subito il danneggiamento a causa del sorpasso. Stavolta però non ha selezionato al meglio la sua vittima. Infatti l'anziano a seguito della discussione sul danno, aveva consegnato il denaro ma era poi corso a denunciare il siciliano in caserma.

I carabinieri hanno perciò avviato una serie indagini che hanno consentito di acquisire le prove nei confronti del truffatore, già noto alle Forze dell’ordine. Oltre alla denuncia, il 31enne è stato anche proposto per l’allontanamento con "foglio di via" obbligatorio, dal territorio comunale di Verona, per tre anni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, "mi hai rotto la macchina e adesso paghi": ma è una truffa. Veronese corre ai carabinieri

VeronaSera è in caricamento