Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca Centro storico / Via Roma

Verona, minacciata e obbligata ad abortire: il marito la picchia col ferro da stiro

Almeno cinque anni di torture indicibili per una giovane dello Sri Lanka residente nel Veronese. Ad accorgersi di tutto e testimoniare è il medico della donna. Decine di certificati riportano lesioni e traumi

L'ha persino obbligata ad abortire. E poi botte a non finire, insulti, minacce. Era succube di quel marito violento. Per cinque anni ha sopportato ogni sfuriata di quell'uomo pericoloso. Da parte sua nessuna denuncia: ad interrompere quel "regime vessatorio" e brutale è stato il medico della giovane originaria dello Sri Lanka. A testimonianza delle torture subite per anni ci sono infatti i certificati medici che l'avvocato della vittima ha presentato in Tribunale dopo aver trascinato il marito a processo. Fu proprio il medico a raccontare le terribili vicende che ruotavano attorno a quella famiglia.

Il racconto agghiacciante che ricostruisce gli attimi di terrore in casa parla di schiaffi, pugni, calci, minacce e persino un ferro da stiro utilizzato come arma impropria. Come spiega l'Arena, a dicembre 2012 la costrinse anche ad abortire. L'uomo è stato condannato a 4 anni per maltrattamenti in famiglia e dovrà pagare una multa di 10mila euro, ma non sconterà la pena in Italia. Da tempo è tornato nel paese d'origine assieme al figlio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, minacciata e obbligata ad abortire: il marito la picchia col ferro da stiro

VeronaSera è in caricamento