Verona, Forza Italia pensa a tagliare le Ulss: "Nel Veronese ne bastano due"

Il presidente della commissione Sanità in Regione, Padrin, è il rpimo firmatario: "Operazione di razionalizzazione che permetterà un risparmio di 300 milioni di euro e di garantire migliori servizi ai cittadini"

La Ulss 22, sede di Bussolengo

A pochi giorni dalla rinascita di "Forza Italia" anche in Veneto, gli esponenti politici berlusconiani avanzano la loro proposta per ridurre le spese della Sanità in Veneto. Passando per la chiusura di alcuni reparti e l'eliminazione di "organi aziandali". Il numero delle Ulss venete potrebbe essere ridotto da 21 a 14. E' questa la proposta di Leonardo Padrin e degli altri tre consiglieri del nuovo gruppo di Forza Italia (Remo Sernagiotto, Davide Bendinelli e Mauro Mainardi) che hanno depositato in Consiglio un progetto di legge, corredato da mappa geografica che suddivide i 581 comuni veneti in 14 nuovi ambiti sanitari. Secondo Forza Italia, il Veronese necessita di un'unica Ulss a sud dall'asse autostradale, da Isola della Scala a Peschiera, e una Ulss a nord per Verona e hinterland, Villafranca, Bussolengo e i comuni della sponda orientale del Garda.

LO SCHEMA DI FI NELLA REGIONE - Nel resto della Regione, Belluno dovrebbe mantenere le attuali due Ulss, il Veneziano dovrebbe avere una unica azienda per gli abitanti di Venezia, Mestre, Chioggia e della Riviera del Brenta (al posto delle attuali Ulss 12, 13 e 14), il Veneto Orientale dovrebbe conservare la propria Ulss. Situazione pressochè invariata anche per il Polesine, dove rimarrebbero due Ulss, Rovigo e Adria, quest'ultima però allargata anche a Cavarzere. La Marca passerebbe da 3 a 2 Ulss, conservando invariati i confini dell'attuale Ulss di Asolo Montebelluna e Castelfranco e unificando i bacini delle due Ulss di Treviso e Conegliano. Accorpamenti in vista anche per le province del Veneto centrale: la proposta di legge riorganizza il Padovano in due Ulss, una per capoluogo, cintura e Alta Padovana (unificando i due bacini della 15 e della 16 e ottenendo così l'Ulss più popolosa del Veneto con 740 mila abitanti) e una per la Bassa Padovana, da Conselve a Montagnana, corrispondente all'attuale Ulss 17. Nel Vicentino le Ulss previste sono due, una di montagna che comprende le attuali Ulss 3 e 4 e l'area di Valdagno dell'ovest Vicentino), e una di pianura, i cui confini assommano l'azienda del capoluogo e parte dell'Ulss 5 dell'Ovest vicentino.

"Si tratta di un'operazione di razionalizzazione, rispettosa delle peculiarità territoriali e aziendali e dei numeri previsti nel piano sociosanitario - ha spiegato il primo firmatario, Padrin, presidente della commissione Sanità -. Consentirà di risparmiare oltre 300 milioni di euro e di garantire migliori servizi ai cittadini, ottimizzando la distribuzione delle specialità e dei presidi nel territorio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo i calcoli dei quattro proponenti, le previsioni di risparmio poggiano sulla riduzione degli organi aziendali (10 milioni di euro di minori spese rispetto agli attuali 30), eliminazione di doppioni e organizzazioni gerarchiche ("perché mantenere 6 chirurgie per 500 mila abitanti, quando i parametri ottimali dell'organizzazione sanitarie ne indicano una per 300 mila abitanti?" chiosa Padrin), sulla concentrazione dei servizi tecnico-amministrativi e sulla buona gestione dei flussi di cassa e dei fornitori che, se fatta su ampia scala, dovrebbe consentire di ridurre il ricorso ai prestiti bancari e quindi gli oneri di interesse. Sulla revisione dei confini delle Ulss sono già state presentate in Consiglio altre quattro proposte di legge a firma, rispettivamente, di Giovanni Furlanetto (Lega nord), Sandro Sandri (ex Lega, ora gruppo misto), Franco Bonfante (Pd) e Pietrangelo Pettenò (Federazione della Sinistra veneta). Durante l'approvazione del piano sociosanitario regionale anche altre forze politiche erano intervenute con appositi emendamenti per ridurre il numero delle Ulss, in particolare Italia dei Valori, Futuro popolare e Diego Bottacin (gruppo misto-Scelta civica).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus: 11 nuovi casi in Veneto e l'ospedale di Borgo Trento torna ad avere ricoverati

  • Coronavirus, crescono contagi a Verona. Una nuova vittima in Veneto

  • La montagna vicino Verona: 5 fantastiche escursioni a due passi dalla città dell'amore

  • A4, morto per un malore in terza corsia: scontri pericolosi evitati grazie ad un'auto e un tir

  • Coronavirus, un nuovo morto in Veneto e purtroppo è veronese

  • La sua ragazza non risponde e chiama il 112: trovata in una casa con droga e refurtiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento