Verona, vaga per la strada completamente ustionato: ora si conosce l'identità

La vittima è un agricoltore veronese 46enne di San Bonifacio. A chiedere informazini di lui e svelare il mistero è stato il fratello che non l'ha visto rincasare. L'uomo vagava a Castagnaro con volto e corpo coperti da bruciature

(Foto dal web)

Riconosciuto dai famigliari che si sono rivolti ai carabinieri. Sono stati proprio i militari a dare la tremenda notizia delle condizioni dell'uomo. E stato identificato così Maurizio Tarocco, agricoltore 46enne veronese, ritrovato lunedì pomeriggio con volto e corpo completamente ustionati. Il processo di identificazione si è concluso solamente grazie alla richiesta di informazioni da parte del fratello del ferito che non vedendolo tornare a casa, alla sera, si era preoccupato. Non aveva letto i giornali, non sapeva dove fosse finito il parente. Con un socio si era così rivolto ai carabinieri e ha ricevuto la notizia del ricovero per gravissime ustioni. Il 46enne, originario di San Bonifacio ma residente ad Albaro di Ronco all'Adige dopo la separazione con la moglie, è stato ritrovato a circa 150 metri di distanza dalla sua azienda di Castagnaro. A trovarlo, lunedì verso le 13, era stato un passante, sul ciglio della strada, in via Borgonovo. Secondo la testimonianza ai carabinieri del cittadino veronese che gli ha prestato i primi soccorsi, il 46enne, alla vista dell'automobile, gli avrebbe fatto segno di fermarsi. Poi si sarebbe accasciato al suolo. Immediata la chiamata al 118 e successivamente al 112, i cui militari avevano avviato subito le indagini. Nulla si sapeva, infatti, della vittima. Con se' non aveva documenti, ne' era riuscito a spiegare come e dove si fosse bruciato, ne' chi fosse.

Subito dopo l'identificazione, avvenuta martedì pomeriggio, i carabinieri hanno esteso le indagini alla ditta agricola di sua proprietà, a Castagnaro, assieme ai tecnici Spisal di Verona. Forte, infatti, è il sospetto che le gravi bruciature sul corpo siano state provocate dall'aver maneggiato, durante il lavoro, sostanze altamente infiammabili. Non si esclude, tuttavia, nessuna pista, compresa quella del gesto estremo. L'uomo aveva problemi legati ai rapporti con l'ex moglie.

GRAVEMENTE USTIONATO COLLASSA DAVANTI AD UN PASSANTE A CASTAGNARO

Nel cortile dell'azienda sono stati ritrovati brandelli di indumenti che corrispondono a quelli indossati dall'uomo al momento del ritrovamento. Nei dintorni tutto era perfettamente in ordine: non sono stati trovati segni che possano indicare una lite e quindi gli investigatori escludono, per ora, responsabilità di terzi. Rispetto alle cause delle ustioni, gli esperti hanno invece escluso solamente che si possa trattare di bruciature dovute alla corrente elettrica. Secondo l'ultimo referto medico dell'ospdeale di Borgo Trento l'uomo sarebbe tuttora in gravi condizioni e in pericolo di vita. Volto e corpo sono martoriati da profonde ferite.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Artigiano muore folgorato in strada mentre lavora: inutili i soccorsi del 118

  • Arriva il maltempo in Veneto, pioggia e neve: "Stato di attenzione" della protezione civile

  • Finta concessionaria nel Veronese per truffare i clienti, denunciato 21enne

  • Trovano un vero arsenale nella sua casa: 42enne finisce in manette

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 17 al 19 gennaio 2020

  • Operaio morto sul lavoro a Legnago, assolto rappresentante dell'azienda

Torna su
VeronaSera è in caricamento