rotate-mobile
Cronaca Valverde / Via Salvo D'Acquisto

Verona, esplosioni e interventi di soccorso veronesi sul Carega: ma si tratta solo di un'esercitazione

L’attività svolta mediante prove di campionamento post-esplosione consentirà di approfondire studi nell’ambito delle analisi chimiche già in atto alla Scientifica dei carabinieri di Verona, in collaborazione con il RIS di Parma

Botti e simulazioni di soccorsi. Un esercitazione durata tre giorni, dal 17 al 19 ottobre, quella svolta dal Gruppo disostruzione della quarta zona speleologica Veneto–Trentino-Alto Adige in località Bocchetta delle Grole, sul Carega in territorio trentino. Le manovre erano finalizzate all’addestramento e alla formazione dei tecnici specialisti all’uso di esplosivi da utilizzare in caso di operazioni di soccorso in grotta e di affinare le procedure atte a rendere transitabili in sicurezza gli ambienti ipogei più angusti alle squadre di soccorso del Soccorso alpino e di permettere quindi il recupero di un infortunato.

Le operazioni in esterno hanno consentito di simulare in sicurezza possibili scenari di intervento in ambiente ipogeo e non, utilizzando esplosivi con disgaggi e bonifica delle aree. All’evento hanno partecipato, come osservatori, anche agenti della polizia di Verona e del secondo reggimento "Genio guastatori alpino" di Trento. Sono intervenuti anche i carabinieri con personale e comandante della Scientifica del Nucleo investigativo di Verona. L’attività svolta mediante prove di campionamento post-esplosione consentirà di approfondire studi nell’ambito delle analisi chimiche già in atto presso il predetto reparto tecnico dell’Arma in collaborazione anche con il RIS di Parma.

Nelle due giornate hanno potuto così addestrarsi 12 tecnici disostruttori veneti, trentini e lombardi, supportati da 4 esperti speleologici e un sanitario.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, esplosioni e interventi di soccorso veronesi sul Carega: ma si tratta solo di un'esercitazione

VeronaSera è in caricamento