menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Verona, esplosione di gas alla palestra comunale, resta ustionato il dirigente 49enne della squadra

Carabinieri e vigili del fuoco sospettano una fuga di GPL dalla bombola che alimenta i fornelli sui quali l'uomo doveva preparare la cena ai ragazzi della Polisportiva. Finisce al Centro specializzato dell'ospedale di Borgo Trento

Stava per preparare la cena ai ragazzi della squadra di calcio che avevano finito gli allenamenti quando è stato investito dall’esplosione. È finito in ospedale, con procedura d’emergenza, Enrico Lanza, il 49enne che mercoledì sera, agli impianti sportivi di Roverchiara, è rimasto ustionato e ferito per lo scoppio di una bombola di GPL con il quale veniva alimentato il fornello. È accaduto verso le 22, nella palestra comunale adiacente al campo da calcio. Secondo i primi accertamenti dei carabinieri di Legnago, intervenuti sul posto con Spisal dell’Ulss e vigili del fuoco, l’uomo, un dirigente-volontario della squadra di calcio dei ragazzi aderenti alla Polisportiva "Asd Roverchiara", era entrato nella stanzetta adibita a cucina ma non ha fatto a tempo ad avvicinarsi al fornello che è stato travolto da una fiammata. Alla base dello scoppio ci sarebbe stata la fuoriuscita di gas liquido dal serbatoio interrato all'esterno della struttura. Il GPL si sarebbe sparso sul pavimento e a quel punto le fiamme del fornello per scaldare l'acqua della pasta avrebbero innescato l'esplosione.

L’allarme è scattato immediatamente e il 118, intervenuto con automedica e ambulanza, ha trasferito l’uomo all’ospedale “Mater Salutis” di Legnago e successivamente al Centro ustionati di Verona Borgo Trento. Rimane in prognosi riservata per le gravi ustioni su viso e mani. Altre ferite sul corpo sono state causate dallo scioglimento dei tessuti sintetici della tuta da ginnastica che il 49enne indossava.

Non sarebbe comunque in pericolo di vita ma i medici non si sono ancora sbilanciati sul periodo di guarigione. I ragazzi, spaventati per il grosso boato, non hanno riportato alcuna conseguenza per l’esplosione. Erano ancora tutti nello spogliatoio e si sono poi adoperati per cercare di estinguere le fiamme con gli estintori in attesa dell'arrivo dei soccorsi. Tra i primi ad accorrere sul posto il vicesindaco di Roverchiara, Mirko Freddo. Il sindaco, Loreta Isolani, per tutta la notte è rimasta al Centro ustionati di Borgo Trento in sostegno della famiglia e dei conoscenti. I danni per l'incendio si sarebbero limitati agli infissi e a qualche soprammobile. Nessun pericolo per l'agibilità futura del locale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento