Cronaca Castelnuovo del Garda / Via Roma

Verona, esasperati e messi in ginocchio dalle razzie dei ladri: "Qui ci fanno chiudere. Ora basta"

Scoppia il caso "sicurezza" a Castelnuovo del Garda. Imprenditori scrivono a sindaco e Municipale, "coscienti del fatto che ad ogni ora della notte o nel weekend potrebbero essere messi sull’avviso di qualche intrusione"

Stufi, stremati, senza un appiglio. Con questo animo un gruppo di imprenditori di Castelnuovo del Garda ha richiesto un colloquio con il comandante della polizia municipale e con il sindaco. A muoverli sono stati i presunti continui furti con danneggiamenti alle loro ditte. Ladri scatenati, insomma. Che rischia di mettere in ginocchio i già malmessi lavoratori del gardesano, alle prese con crisi e tasse da pagare. Alla “beffa” di uno Stato, che opprime più che sollevare, si aggiunge quella del “danno” da malviventi. In municipio per cercare soluzioni, dunque. Spiega su L’Arena il portavoce degli imprenditori, che preferisce non passare alla ribalta per paura di ritorsioni (anche se per subirle, ci si immagina, dovrebbe fornire chiare indicazioni sulle identità dei furfanti):

«Non intendiamo più sporgere soltanto continue denunce alle forze dell'ordine, ma chiediamo ad alta voce un intervento deciso e concreto da parte di tutte le istituzioni, compreso gli organi competenti dell'amministrazione comunale. Noi imprenditori abbiamo già fatto il nostro dovere di cittadini, difendendoci con sistemi di anti intrusione anche di avanzata tecnologia e coinvolgendo le forze dell'ordine. Non passa notte che a qualcuno di noi non scatti un allarme … I nostri sforzi fatti fino ad ora e anche gli unici che possiamo fare per difendere le nostre attività, i nostri sacrifici e i posti di lavoro, ci sono costati diverse migliaia di euro, se parliamo in termini economici, ma ci sta costando ancora di più in termini psicologici. Ogni mattina che entriamo nelle nostre aziende speriamo che durante la notte o nel fine settimana non si siano verificati episodi di criminalità»

La lettera che hanno scritto al primo cittadino si conclude facendo leva sulle condizioni psico-fisiche che agiscono direttamente sulla qualità di vita degli imprenditori. Coscienti del fatto che ad ogni ora della notte o nel weekend potrebbero essere messi sull’avviso di qualche intrusione nei propri capannoni o nel locale. Un “logorìo psicologico”, ammettono, per cui alcuni avrebbero già manifestato l'intenzione di chiudere tutto, magari aprendo altrove ma più lontano. E i dipendenti comunque ci rimetterebbero. La palla ora passa al Comune. Sono attese risposte.

Il sindaco di Castelnuovo, Giovanni Peretti, intanto, messo sull'avviso dai giornali e sorpreso per la reazione "eccessiva" nel rivolgersi alla stampa, sembra pronto ad accogliere gli imprenditori e promette interventi nel limite del possibile. Maggiori pattugliamenti sono da vedere: gli agenti della Municipale, in tutto il territorio comunale, sono 7 e devono sorvegliare 35 chilometri quadrati. Secondo il comandante dei carabinieri della zona, Francesco Milardi, capitano a Peschiera del Garda, le denunce per furti in azienda non sarebbero aumentate. La maggior parte delle segnalazioni arriva per quelli in case e appartamenti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, esasperati e messi in ginocchio dalle razzie dei ladri: "Qui ci fanno chiudere. Ora basta"

VeronaSera è in caricamento