Cronaca Veronetta / Via Venti Settembre

Verona, "Emporio della solidarietà" a Veronetta: la Caritas spinge per aprire e smonta la "disinformazione"

L'associazione caritatevole è capofila della "Rete Talenti" che da due anni attende di sapere dove stabilire i magazzini per la raccolta solidale. Era nata la polemica da vari esponenti politici locali. "Il Comune si sbrighi, la Regione è già d'accordo"

L'ex Casa del Fascio in via XX Settembre, a Veronetta

Riduzioni degli sprechi sugli aiuti erogati, realizzazione di un adeguato processo di accompagnamento delle famiglie e degli utenti, anziché limitarsi alla sola fase erogativa di alimenti, sostegno alle crescenti forme temporanee di fragilità economiche, come nel caso di famiglie con difficoltà di spesa nella seconda parte del mese. Con questi intenti, nel 2010, un gruppo di enti di volontariato sociale impegnati nel contrasto alle povertà e operanti nel territorio veronese, hanno dato vita alla “Rete Talenti”. Soprattutto, quindi, con lo scopo di monitorare le crescenti situazioni di disagio e individuare un modus operandi, il più possibile condiviso, nell’ambito del sostegno alimentare. Da queste riflessioni è nato il progetto "Emporio della Solidarietà", già avviato con successo da quasi 10 anni in molte città italiane, dove famiglie selezionate, attraverso appositi criteri di accesso, possano reperire gratuitamente generi di prima necessità, scegliendo i prodotti secondo le proprie necessità, con l'obiettivo ambizioso di coprire circa il 40-50 percento del loro fabbisogno alimentare, rispetto all'attuale prassi della sola borsa mensile. Un progetto portato anche a Verona e che fin da quando è stato "promosso" in Comune non ha mancato di far parlare di se', soprattutto per l'individuazione della sede in cui realizzarlo. Ora la "Rete Talenti" chiede che si decida per lo stabile di Veronetta, l'ormai nota ex "Casa del Fascio" che già in estate era stata avanzata come possibile nuova sede.

UN LUNGO PERCORSO - Ma è un'idea che non trova i favori di molti membri del Comune, sia dell'opposizione che della stessa maggioranza. In realtà sono anni che se ne parla. Nel 2012 il progetto è stato presentato al Comune, alla Provincia di Verona e alla Regione Veneto, chiedendo sostegno economico e uno spazio idoneo dove realizzarlo. Da quel momento è iniziato un iter, con ipotesi di concessioni varie come l’ex canile municipale, la ex caserma Santa Marta, la ex chiesa Santa Maria Rocca Maggiore ed altre ipotesi, tutte accettate dalla Rete Talenti ma rivelatesi successivamente impraticabili.

Finalmente a maggio 2014, l'assessore alle Politiche sociali, Anna Leso, aveva proposto all'associazione l'edificio annesso al palazzo Bocca Trezza, (ex Casa del Fascio), in via XX Settembre. Il primo agosto 2014 viene protocollata, dal Comune di Verona, la concessione della palazzina alla Caritas Diocesana Veronese, attuale capofila del progetto, che per tale atto ha versato l'importo di poco meno che 5mila euro e avviato tutte le procedure autorizzative per la realizzazione dell'Emporio. L'11 novembre scorso le due commissioni consiliari competenti hanno approvato il progetto per il restauro e risanamento conservativo dell'edificio di via XX Settembre per realizzare l'Emporio della solidarietà, con ben 15 voti, trasversali, favorevoli e uno solo contrario. Le commissioni hanno disposto quindi la trasmissione della proposta di delibera al Consiglio comunale, esprimendo parere favorevole sul merito. Successivamente, ad opera di quella che viene definita dalla stessa Caritas una “minoranza chiassosa” si era avviata una frenetica trattativa per spostare altrove la sede, già concessa, presentando "motivazioni contraddittorie e pretestuose, per lo più dettate da una scarsa conoscenza delle finalità e delle modalità operative del progetto". La Rete Talenti ha così diffuso una nota per "smontare" punto per punto tali motivazioni.

  • file di barboni, ovvero esiguità delle persone aiutate: "In realtà - spiega Rete Talenti - si procederà con un accesso regolato e graduale a partire da circa 30-40 famiglie al giorno, opportunamente selezionate, per raggiungere il livello ottimale, in base alle capacità di sostegno che l'Emporio riuscirà ad esprimere (spazi utili e rifornimento scaffali)".
  • Peggioramento della già precaria circolazione locale: "I mezzi che riforniranno l'emporio saranno idonei per accedere negli spazi antistanti l'edificio interessato, all'interno del comprensorio e non determineranno alcun impatto sul traffico locale".
  • Problemi di sicurezza: "La presenza dei volontari addetti all'Emporio e l'affluenza di persone selezionate e ben conosciute, rafforzerà l'attuale presidio locale".
  • Ghettizzazione del quartiere: "Il progetto Emporio - continua la nota dell'associazione caritatevole - sviluppato nella sede prescelta, esprime un potenziale di esperienze generative positive e auspica una feconda sinergia della dimensione Solidaristica con quella Culturale e Artistica attraverso la condivisione di iniziative promozionali in collaborazione con il Comitato Porta Vescovo e con le associazioni culturali Dèsegni, ZeroPerCento e Società Cooperativa3A, coadiuvando e implementando le diverse iniziative culturali già avviate all’interno dell’area verde tra cui: laboratori creativi, concerti, cinema all’aperto, mercatini artigianali.

"Il polverone sollevato e le diatribe politiche collegate alla concessione della sede dell'Emporio solidale non trasmettono segnali di speranza per la nostra città - conclude l'associazione della Caritas - e mortificano il capitale umano del volontariato coinvolto, oltre che di quei cittadini (maggioranza silenziosa) che stanno aspettando da anni, di poter sostenere l'iniziativa, ma ancora di più coloro che ne hanno bisogno".

PROGETTO ABBRACCIATO IN REGIONE - Per questo Rete Talenti si dice "fortemente determinata a contrastare il rischio di assistere al vanificarsi di tanto impegno organizzativo e la progressiva perdita di attenzione, da parte di varie aziende ed enti benefattori, possibili fonti di finanziamento e non ultima della stessa comunità locale". Intanto la Regione Veneto, che ha fatto proprio il progetto veronese dell'Emporio solidale sposandone totalmente gli obiettivi e le procedure operative, sollecita la nascita di Empori simili anche nelle altre province venete. Per passare dalle parole ai fatti, il vescovo Giuseppe Zenti ha recentemente sollecitato il Comune a presentare proposte alternative alla “ex Casa del Fascio” con i requisiti a suo tempo indicati dalla Rete Talenti. "Dopo un riesame dettagliato delle proposte ad oggi pervenute, alcune delle quali già precedentemente accettate e rivelatesi poi impraticabili, la Rete Talenti è giunta alla conclusione che nessuna di esse rappresenti concretamente un’alternativa valide". 

Così si chiede formalmente,al Comune di Verona, di "perfezionare la concessione già firmata, attraverso il cambio di destinazione d'uso dell'immobile assegnato, auspicando la conclusione dell'iter burocratico entro il corrente mese di dicembre 2014". Diversamente, l’inadempienza del Comune di Verona determinerà ulteriori rinvii, se non addirittura l’impossibilità di realizzare il progetto stesso, dopo ben due anni di estenuante attesa, rivelando una preoccupante insensibilità alle crescenti difficoltà e ai bisogni delle famiglie povere residenti in Verona.

RETE TALENTI - Il coordinamento della Rete Talenti vede riuniti, sullo stesso tavolo di programmazione, Caritas Diocesana Veronese, Associazione di Carità S. Zeno onlus, ACLI Verona, Ronda della Carità, Conferenze della San Vincenzo, Gruppi di Volontariato Vincenziano, Centro Diocesano Aiuto Vita, Casa della Giovane, Comitato veronese della Croce Rossa Italiana (rappresentativi di migliaia di volontari nel nostro territorio)  e Comune di Verona.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, "Emporio della solidarietà" a Veronetta: la Caritas spinge per aprire e smonta la "disinformazione"

VeronaSera è in caricamento