Verona, dopo 26 anni il parcheggio di Borgo Trento è realtà: inaugurazione con sosta gratis

Opera costata 8,6 milioni di euro. Il parcheggio sarà gestito da Saba Italia fino al 2070. Distribuito su 4 livelli, uno di superficie e 3 interrati, offre oltre 350 posti auto. Al terzo livello 60 stalli e 48 box in vendita

Il rendering del progetto finale

E’ stato inaugurato giovedì 5 dicembre, il nuovo parcheggio di via de Lellis a servizio dell’Ospedale di Borgo Trento e del quartiere. Il parcheggio entrerà in funzione già da venerdì, giornata inaugurale in cui la sosta sarà gratuita. L’opera, iniziata nell’autunno 2010, è stata realizzata in project financing da Saba Italia, società del gruppo Saba Infrastrutture di Barcellona, che ha appaltato i lavori, per la sua esecuzione, all’impresa Vittadello di Verona.

L'OPERA - Il finanziamento dell’opera è stato totalmente sostenuto dalla Saba Italia con un investimento complessivo di 8,6 milioni di euro. Come da convenzione, il parcheggio sarà gestito da Saba Italia fino al 2070. Distribuito su 4 livelli, uno di superficie e 3 interrati, il parcheggio offre oltre 350 posti auto per la sosta a rotazione, tra la superficie e i primi due livelli interrati. Al terzo livello, riservato alla sosta pertinenziale, sono stati realizzati 60 posti auto e 48 box, destinati alla cessione in diritto di superficie. Il parcheggio è caratterizzato da un’architettura di pregio che si integra perfettamente con il territorio circostante. Un alto standard qualitativo rende la struttura particolarmente sicura in tutte le sue aree con impianti di videosorveglianza e punti di contatto attivi 24h su 24. Il parcheggio è caratterizzato da un segnaletica interna evidente ed intuitiva con indicazioni anche in lingua inglese per un pubblico internazionale. Particolare attenzione è stata dedicata anche al risparmio energetico: il parcheggio è dodato di 32 pannelli fotovoltaici per l’80% del fabbisogno energetico, diminuendo notevolmente le emissioni di CO2 nell’aria. Il nuovo parcheggio sarà aperto tutto l’anno 24 ore su 24, con possibilità di sosta oraria (tariffa di 2 euro per la prima ora, 1,50 euro per le ore successive) e diverse tipologie di abbonamento per residenti e dipendenti dell’ospedale. Il parcheggio è dotato di impianti di automazione di ultima generazione; nei primi mesi del 2014 sarà attivato anche un servizio di prenotazione on line del posto auto.

Contemporaneamente alla costruzione del parcheggio, sono state realizzate opere stradali per razionalizzare l’accesso alla struttura e migliorare la viabilità della zona: - allargamento e sistemazione della via de Lellis, inclusa la realizzazione di un tunnel finalizzato a migliorare l’accesso alla struttura e la viabilità ordinaria della zona; - realizzazione di una fontana sulla testata del parcheggio verso l’incrocio semaforico di Ponte Catena; - risistemazione della strada di accesso all’Ospedale di Borgo Trento dal lato del padiglione celle mortuarie, fiancheggiante lungadige Attiraglio; - opere complementari di arredo urbano: realizzazione di aiuole stradali e all’interno del parcheggio, con impianto di arbusti ed alberature d’alto fusto; - rifacimento e riorganizzazione delle reti dei servizi pubblici nella zona circostante il nuovo parcheggio (fognatura, acquedotto, energia elettrica, telecomunicazioni, teleriscaldamento, illuminazione pubblica).  

“Finalmente viene data una risposta importante a un quartiere – ha detto il sindaco Flavio Tosi- che in questi anni ha pagato un prezzo molto alto, rispetto alle molteplici attività esistenti, in termini di mancanza di posti auto. L’amministrazione comunale si è impegnata al massimo, nei tre anni di realizzazione dell’opera, per alleviare il disagio dei residenti di Borgo Trento e del quartiere Navigatori, adottando in accordo con il direttore generale dell’azienda ospedaliera, che ringrazio per la collaborazione, diverse soluzioni di emergenza per favorire l’accesso al lavoro del personale sanitario”.

La decisione di costruire il parcheggio risale al 1987: "Siamo riusciti - spiega l'assessore al Traffico e Viabilità, Enrico Corsi - a sbloccare un iter fermo da vent’anni, arrivando nel giro di sei anni alla realizzazione dell’opera. Si tratta di una struttura importante per il quartiere di Borgo Trento e fondamentale per l’ospedale, che potrà trovare tariffe agevolate per i turni pomeridiani e notturni dei propri dipendenti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Omicidio a Verona: ammazza una 51enne e confessa due giorni dopo

  • Possibili rischi per la salute, ritirato formaggio prodotto a Cerea

  • A Verona la migliore escort dell'anno 2019: «Prima facevo l'aiuto cuoco»

  • Vivevano alle spalle della coppia e facevano prostituire la donna: arrestati

  • Ladri acrobati si arrampicano fino al quinto piano e svaligiano l'appartamento

  • Donna morta annegata nella Bassa veronese: recuperato il cadavere

Torna su
VeronaSera è in caricamento