Verona, domenica in centro ai mercatini: è boom. Traffico in tilt, parcheggi esauriti

In un giorno arrivano 115 multe solo dal quartiere San Zeno, per i posti auto "selvaggi" in occasione della rassegna dell'antiquariato. Turisti e curiosi affollano le bancarelle di Natale. Difficoltà in A22 per le prime sciate

Se la gente si sposta in massa con l'auto, a Verona e provincia, nasce l'incognita "parcheggio". Sarà per questo che l'amministrazione comunale sta spingendo da anni per i lavori all'ex Gasometro, all'Arsenale, in via De Lellis. L'evento dei mercatini d'antiquariato a San Zeno, organizzati durante le prime domeniche di ogni mese, ha messo a dura prova la viabilità cittadina. Ad aggiungersi all'evento "ArtAntique" sono state le bancarelle tradizionali natalizie in centro storico. Auto in coda anche sulle strade che portano in montagna. Le piste da sci aperte hanno aumentato ancora di più il traffico. Non sembra aver scoraggiato gli automobilisti, e questo sembra un bene per le casse comunali, il piano viabilità messo in atto dalla polizia municipale del Comune di Verona. In una sola giornata sono fioccate oltre 115 multe. Nessuna gioia, tuttavia, nel dispiegamento di forze su strada. Gli agenti sono anche dovuti ricorrere alle rimozioni forzate nelle vicinanze dei banchetti dell'antiquariato. Tra piazza Corrubbio e piazza San Zeno è stato un vero e proprio assalto di curiosi, rigattieri, appassionati e organizzatori. Con alcuni di questi, tuttavia, i vigili urbani sembrano aver ingaggiato una lotta. Come spiega l'Arena, è il comandante della Municipale, Luigi Altamura, a tracciare il bilancio delle attività del weekend:

"Nonostante la segnaletica e le ripetute comunicazioni, la gente sembra non voler capire, e continua a lasciare le auto su marciapiedi e di fronte a passi carrabili, senza alcun rispetto per pedoni in difficoltà, passeggini e carrozzine"… "Farò presente la situazione in Giunta, e non escludo di prevedere ulteriori provvedimenti per il prossimo appuntamento di gennaio, con una chiusura della zona a più ampio raggio e l´accesso limitato ai soli residenti. Non abbiamo alternative, è l´unico modo per tenere in ordine sosta e viabilità"

Dalla mezzanotte di sabato 30 novembre alle ore 20 di domenica 1 dicembre saranno vietati il transito e la sosta in piazza Corrubbio, piazza Pozza, piazza San Zeno, via San Procolo, via Porta San Zeno e via Lenotti, nel tratto tra piazza Pozza e via Scarsellini. Analogamente a quanto accade per le Ztl, solo alcuni mezzi potevano transitare nella zona "franca". Dieci agenti hanno pattugliato di continuo il quartiere San Zeno e i parcheggi sono andati esauriti in pochissimo tempo. Compreso quello di piazza Corrubbio solitamente meno considerato. Poco dopo pranzo gli stalli disponibili nei parcheggi centrali si contavano sulle dita della mano. Tutto pieno al Passalacqua, all'Arena, park Isolo, Tribunale, Citadella e stazione.

IN MONTAGNA - Sulle lunghe tratte che interessano il Veronese, invece, i'idea vincente resta sempre quella di partire per tempo. La levataccia alla domenica mattina per andare in montagna, poi, ripaga durante il viaggio. Con il centro assaltato dai turisti per mercatini tradizionali e d'antiquariato si è reso difficoltoso anche il passaggio in direzione nord e quello per uscire dalla città. Si è reso necessario aprire il parcheggio P3, zona Fiera, per evitare il "collasso". Dai dati in possesso del comandante Altamura, solo occupando quei mille posti si è riuscito a far fronte all'emergenza traffico. I bus navetta hanno fatto il loro lavoro e hanno trasferito la folla in centro città anche se comunque sono state attivate deviazioni in corso Porta Nuova e le altre vie del centro. Nel pomeriggio di domenica la grande ondata di rientri da Trentino e Alto Adige, ha messo a dura prova la pazienza di centinaia di automobilisti. Rallentamenti e code tra Affi e Trento nord, sulla A22.

E intanto si pensa già al gran numero di mezzi motorizzati per il prossimo weekend, soprattutto in autostrada. La società che gestisce la A22 ha già annunciato, spiega L'Arena, che per la festa dell'Immacolata dell'8 dicembre verrà sperimentato l'uso "dinamico" delle corsie di emergenza come corsie di marcia nel tratto tra Trento centro-San Nicolò e Rovereto nord, sulla carreggiata Sud.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La città di Verona con le sue inestimabili meraviglie diventa protagonista in tv sulla Rai

  • A Verona la migliore escort dell'anno 2019: «Prima facevo l'aiuto cuoco»

  • Vince 75mila euro a L'Eredità e si taglia i capelli con Flavio Insinna

  • Possibili rischi per la salute, ritirato formaggio prodotto a Cerea

  • Donna morta annegata nella Bassa veronese: recuperato il cadavere

  • Omicidio a Verona: ammazza una 51enne e confessa due giorni dopo

Torna su
VeronaSera è in caricamento