Cronaca Centro storico / Via Adigetto

Verona, con documenti falsi si presentano in Comune per chiedere residenza: casi in aumento

Dal dicembre 2013 sono stati sequestrati diciotto passaporti, tutti segnalati dal personale dell'Anagrafe, che svolge periodici incontri di formazione e aggiornamento sul falso documentale. Arrivano denunce e arresti

Girano ancora tanti documenti falsi, a Verona. Troppi, evidentemente. La polizia municipale di Verona, in collaborazione con il personale dello sportello polifunzionale dell'Anagrafe, ha individuato martedì un nuovo caso di utilizzo di passaporto fasullo. Si tratta di una donna nigeriana, che avrebbe dovuto procedere alla richiesta di residenza ma che, grazie ai controlli tecnologici in atto ormai da molti mesi, è stata scoperta e accompagnata al Comando, per la successiva denuncia.

Dal dicembre 2013 sono stati sequestrati nove passaporti nigeriani falsi, tutti segnalati dal personale dell'Anagrafe, che svolge periodici incontri di formazione e aggiornamento sul falso documentale, grazie ad un ufficiale esperto della materia, in servizio al Reparto motorizzato della Municipale. Complessivamente sono stati individuati 18 casi di irregolarità, che hanno comportato 15 denunce e 3 arresti (16 cittadini stranieri e 2 italiani), con 4 casi di precedenti iscrizioni con documenti comunitari contraffatti, 3 casi di furto di identità e 2 casi di alterazione di carte d'identità italiane mediante sostituzione della foto. Proprio le nuove abilità degli operatori degli sportelli polifunzionali dell’Anagrafe, insieme ai nuovi strumenti informatici a disposizione, permettono un intervento tempestivo e immediato della polizia municipale, che riesce così anche ad aggiornare i database sulle nuove tecniche di contraffazione dei documenti di identità anche stranieri o dei passaporti.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, con documenti falsi si presentano in Comune per chiedere residenza: casi in aumento

VeronaSera è in caricamento