Dispersi in Amazzonia un veronese di 39 anni e la sua famiglia: i cari credono nel miracolo

Marco Magnani originario di Lazise, a moglie Yaneth Ruiz Akintuì (chiamata Cristina), 25 anni, e il figlio Gabriel, 5 anni hanno avuto un incidente con il motoscafo che li stava trasportando sul Rio Maranon, in Perù

I familiari sperano ancora in un miracolo, anche se autorità locali li danno già per deceduti nonostante i corpi non siano ancora stati ritrovati. Marco Magnani, 39 anni originario di Lazise, la moglie Yaneth Ruiz Akintuì (chiamata Cristina), 25 anni, e il figlio Gabriel, 5 anni, hanno avuto un incidente domenica alle 14 (ora locale) in Perù su un'imbarcazione che procedeva lungo il Rio Maranon (un corso d'acqua lungo circa 1600 chilometri, uno dei più importanti affluenti dell'alto corso del Rio delle Amazzoni). Magnani era proprietario dell'Hotel Smerlado di via Giacomo Puccini, mentre Cristina faceva la barista al bar dell'hotel Villa Letizia di Bardolino. 
La coppia si trovava in Sud America dal 18 gennaio, il loro doveva essere un viaggio lungo un mese, forse nato anche dall'esigenza di accompagnare il padre di lei nella zona, cogliendo così l'occasione per fare una vacanza nei luoghi d'origine della famiglia. 
I tre stavano viaggiando a bordo di un motoscafo e stavano rientrando dalla città di Chiriaco (Bagua - Amazonas), quando il mezzo si è ribaltato. Altre 11 persone risultano ancora disperse nel naufragio, avvenuto a circa 20 km da Imaza, nel nord del Peru. Nella barca c’era anche il sindaco di Imaza, Otoniel Danducho Akintui, che è stato tratto in salvo dalle acque del fiume: i passeggeri della barca stavano tornando da una visita a una comunità indigena. Secondo quest'ultimo, scampato miracolosamente alla morte: "Siamo partiti 9 persone in una barca e altri 10 imbarcati in un’altra imbarcazione, - afferma al Corriere di Verona - Siamo stati tra le comunità indigene di Yapikusa e San Ramon. Al rientro la barca ha perso un motore e la corrente ci ha trascinato via, ribaltando le imbarcazioni. Sono riuscite a salvarsi solo le persone che hanno avuto il riflesso di aggrapparsi ai bidoni vuoti di plastica e quindi mantenersi a galla". Vigili, esercito, personale della Protezione Civile ma anche residenti che conoscono bene la zona, e membri della polizia nazionale e il personale del Ministero della Salute, hanno partecipato alle ricerche dei dispersi. 
Tra le vittime dell'episodio c'è anche Samuel Ruiz Pérez, 44 anni, antropologo peruviano che ha lavorato come capo del Dipartimento per lo sviluppo sociale e la promozione della Municipalidad Imaza, e diverse persone con lo stesso cognome di Cristina, probabilmente parenti della giovane.
A dare notizia della scomparsa è stato il fratello di Marco, Flavio, che ieri sera si è presentato in caserma dai carabinieri a Lazise. A quel punto i militari si sono messi in contatto con la Farnesina per avere ulteriori dettagli e hanno avuto conferma che la famiglia risulta ancora dispersa. 
"Mi state dando una bruttissima notizia. Marco era un mio carissimo amico. Cinque anni fa, quando venni battuto alle elezioni per una quindicina di voti, lui era in lista con me. Si è sempre impegnato per il nostro Comune, era attivo anche tra gli albergatori, nel direttivo dell'associazione. Era uno che amava stare in compagnia e fare baldoria. Un bravo ragazzo, figlio di un albergatore a sua volta. Il papà di Marco era morto circa un anno fa, aveva 65 anni, ebbe un infarto, da allora Marco si era impegnato ancora di più con la sua attività", queste le parole del sindaco di Lazise, Luca Sebastiano al quotidiano L'Arena. "Credo che Marco sapesse nuotare, nel suo hotel c'è anche la piscina. Immagino sapesse nuotare. Ma non lo so di certo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

TROVATO IL CORPO DI YANETH CRISTINA RUIZ AKINTUÌ

"Io, finché non mi dicono nulla di ufficiale, sono tranquillo - afferma il fratello Flavio alla stampa locale - Speriamo sia tutta una bufala o che magari siano riusciti a mettersi in salvo e che non ci riescano a contattarci perché si trovano in una zona remota dell'Amazzonia. Ci hanno chiamato i parenti di Cristina questa mattina (ieri, ndr), dicendoci di guardare su un sito internet peruviano che riportava dell'incidente. Il barcone si è rovesciato: 11 persone sono state tratte subito in salvo e le altre nove, tra cui mio fratello, Cristina e Gabriel, risultano ancora disperse. Dicono che li stanno cercando anche molti chilometri a valle, ma di notizie ufficiali dall'ambasciata o dalla Farnesina non ne abbiamo ancora. Sono stato io ad andare ai carabinieri di Lazise questa mattina a denunciare la cosa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sotto le vigne della Valpolicella a Negrar emerge un vero tesoro archeologico

  • Tragico incidente tra scooter e autocarro: morta una donna di 43 anni

  • Indagine nazionale di sieroprevalenza al coronavirus: ecco i Comuni veronesi coinvolti

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • In vigore la nuova ordinanza di Zaia e per la prima volta si parla di sagre e discoteche

  • Via libera a circoli culturali, baite alpini e parchi divertimento: ma quando riapre Gardaland?

Torna su
VeronaSera è in caricamento