Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca Circonvallazione Pietro Maroncelli

Verona, i bastioni di San Zeno usati come latrine e dormitori

All'altezza di circonvallazione Maroncelli il degrado si fa spazio in mezzo al verde: esrementi, sporcizia e coperte abbandonate da sbandati e senzatetto occupano la vista e i pensieri del vicinato

Verrà forse un giorno in cui i bastioni di San Zeno verranno restituiti alla città e ai veronesi. Ben s'intende: non quelli che sporcano e li usano come toilette pubbliche o li sfruttano come dormitori all'aperto. La situazione del degrado più infimo si scopre in prossimità delle mura di circonvallazione Maroncelli. Il calore di questi giorni certo non aiuta e non spinge i cittadini alle passeggiate in costiera al sole o al jogging. O l'ameno non lì, in quella zona. La stessa che da tempo è considerata meta di sbandati, barboni e umanità di vario tipo. Sfruttano gli spazi pubblici come zona notte, le panchine come letti o stendibiancheria. Un po' ovunque, come spiega l'Arena, compaiono stracci unti e coperte abbandonate nelle ore di luce. E poi cartoni, sporcizia. Non aiuta nemmeno l'incuria del verde cittadino.

Sembra che, oltre ai veronesi, anche il Comune si voglia dimenticare di ciò che accade sulla strada pedonale che porta a San Zeno. Alcuni residenti spiegano che nemmeno più con i cani si passeggia in zona e, ovviamente, per i bambini è zona "off limits". I genitori, comprensibilmente, preferiscono tenerli lontani da gente in mutande o da senzatetto che usano gli angoli leggermente più nascosti come latrine.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, i bastioni di San Zeno usati come latrine e dormitori

VeronaSera è in caricamento