Coronavirus, Sboarina applica la chiusura di tutti i parchi giochi: «Distanze non rispettate»

Tutti i 99 parchi giochi comunali recintati di Verona, le 22 aree verdi e le 6 aree dotate di piattaforme polivalenti saranno chiuse in città a partire da giovedì 12 marzo

Parco Giochi

Da domani, giovedì 12 marzo, chiusura forzata per tutti i 99 parchi giochi comunali recintati di Verona. «Visto il mancato rispetto della distanza tra le persone, prevista da decreto ministeriale», si legge in una nota di Palazzo Barbieri, su indicazione del Prefetto, è stata predisposta dal sindaco Federico Sboarina «la chiusura di tutte le aree gioco pubbliche». Infatti, analogo avvertimento verrà posto anche nelle 22 aree verdi non recintate e nelle 6 aree dotate di piattaforme polivalenti.

«La difficile situazione che stiamo vivendo – ha sottolineato il sindaco di Verona Federico Sboarina – richiama tutti al massimo rispetto delle limitazioni imposte dall’ultimo decreto ministeriale. Sono misure che se da una parte ci impongono un sacrificio, dall’altra rappresentano l’unica soluzione possibile per bloccare la diffusione del virus. Sono semplici regole, - spiega il primo cittadino di Verona - meglio le applichiamo e prima usciamo da questa situazione. Il mio primo obiettivo è la tutela della salute dei cittadini e il contenimento del contagio. Tutti possiamo fare del nostro meglio per limitarlo e insieme supereremo questa emergenza».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sul lavoro: operaio 38enne precipita a terra e muore

  • Ordinanza Zaia: si può passeggiare al lago o in montagna? Mascherina, multe ai gestori locali

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • In sella alla moto sbatte contro un'auto a Pizzoletta e perde la vita

  • Regalo di Natale dal Governo per chi paga con bancomat e carte: cos'è il "cashback"?

  • Nuovi chiarimenti della Regione sull'ordinanza di Zaia: sì a camminate gruppi nordic walking

Torna su
VeronaSera è in caricamento