Cronaca Centro storico / Piazza Brà

Verona, condannati dal giudice ma al servizio del Comune: saranno dentro musei e biblioteche

Convenzione tra Tribunale di Verona e amministrazione Tosi: solo nei casi di reati minori, per lo più violazioni del Codice della strada, come nel caso di guida in stato di ebbrezza. Massimo 12 addetti per volta

I primi effetti reali si erano già visti, e qualcuno che si era messo nei guai a Verona ha già sfruttato il "servizio". Ora anche in Comune a Verona se ne dà ufficialità. È stata sottoscritta infatti dal sindaco Flavio Tosi e dal presidente del Tribunale di Verona, Gianfranco Gilardi, la convenzione per lo svolgimento di lavori di pubblica utilità da parte di soggetti condannati, come beneficio sostitutivo della pena.

In base alla convenzione, il giudice potrà disporre che la detenzione e la sanzione in denaro possano essere sostituite con quella di una prestazione di un’attività non retribuita a favore della collettività, presso il Comune di Verona. “Siamo ovviamente nell’ambito di reati minori, non certo di fatti criminali importanti – spiega Tosi - infatti potranno usufruire della convenzione soggetti condannati per lo più sulla base del Codice della strada, come nel caso di guida in stato di ebbrezza. Si tratta di una misura intelligente, che va nel senso di alleggerimento del sistema penale, e che consente di commutare una condanna in lavoro socialmente utile, a vantaggio sia della comunità veronese, che di chi ha commesso il reato".

TRUFFE ONLINE DELLE POSTEPAY, ORA FA IL VOLONTARIO CARITAS

"Qualche altro Comune della provincia aveva già sottoscritto analoga convezione – conclude Tosi- ora, con questa firma, i cittadini residenti o domiciliati a Verona potranno usufruire del beneficio sostitutivo della pena presso il proprio comune di appartenenza, senza doversi recare fuori”. La convenzione, della durata di un anno ma rinnovabile tacitamente di anno in anno, prevede che il Comune possa farsi carico di un numero complessivo di 12 addetti, da impiegare alla direzione Musei e monumenti, al Museo di Storia naturale, alla Galleria d’arte moderna, al settore Sport e Tempo libero, al servizio Manifestazioni e nelle biblioteche di pubblica lettura. Sempre nella giornata odierna, analoghe convenzioni con il Tribunale di Verona sono state stipulate anche da altri Comuni della provincia veronese.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, condannati dal giudice ma al servizio del Comune: saranno dentro musei e biblioteche

VeronaSera è in caricamento