menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Comparto agroalimentare: i controlli dei carabinieri a tutela dei consumatori

Il Piano Nazionale avvianto dal Comando Politiche Agricole e Alimentari, ha portato a a sequestri di prodotti risultati privi della tracciabilità, contraffatti e con illecite evocazioni di importanti marchi Dop/Igp/Stg e Biologico, controllando 87 aziende su tutto il territorio

Il Comando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari ha avviato il Piano Nazionale dei Controlli a Tutela dei Consumatori del 2014, effettuando verifiche straordinarie in tutto il territorio nazionale su 87 aziende del comparto agroalimentare, che hanno portato a sequestri di prodotti risultati privi della tracciabilità, contraffatti e con illecite evocazioni di importanti marchi Dop/Igp/Stg e Biologico.

Tra gli operatori economici controllati le irregolarità hanno riguardato aziende del settore lattiero-caseario, vitivinicolo, oleario, ittico e ortofrutticolo. I sequestri più significativi operati dai Nuclei Antifrodi Carabinieri sono conseguenti a specifiche attività di riscontro effettuate sulla rintracciabilità dei lotti di produzione e con analisi di laboratorio, ed hanno riguardato 17.254 Kg di prodotti agroalimentari, costituiti da vini adulterati, formaggi evocanti marchi DOP, olio presentato come extravergine d’oliva risultato invece miscelato con olio di semi, e tonno commercializzato come tonno nazionale, lavorato fresco e conservato in olio extravergine risultato invece importato, congelato e conservato in olio raffinato.

I sequestri sono stati effettuati anche su 219.300 etichette/packaging irregolari, relativi a circuiti di commercializzazione di prodotti con indebite evocazioni di importanti marchi DOP/ IGP e Biologico, che avrebbero potuto trarre in inganno i consumatori. L’attività è stata indirizzata pure sul fronte internazionale, sollecitando l’attivazione delle procedure di cooperazione internazionale di polizia sulle reti Interpol ed Europol per la tutela del Made in Italy all’estero per alcuni casi specifici segnalati dai Consorzi di Tutela. Le verifiche sono state rivolte anche ad accertare la legittimità dei finanziamenti UE ricevuti dalle imprese, acquisendo i fascicoli aziendali ed effettuando specifici riscontri “sul  campo” che hanno consentito di accertare 1.247.516 euro di illecite erogazioni ai danni dell’Unione Europea e dello Stato, ora avviate alle azioni di recupero per l’erario.

L’attività sviluppata all’esordio del 2014 prosegue il Piano nazionale integrato dei controlli straordinari disposti a tutela dei consumatori dal Comando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari, che nel 2013  ha effettuato controlli su 3.121 Aziende Agroalimentari, Sequestrato 9,5 mila tonnellate di prodotti e oltre 3 milioni di  etichette/packaging illegali, segnalato all'Interpol 70 casi di falso Made in Italy all'estero, accertato 28,3 milioni di euro di illeciti finanziamenti ai danni dello Stato e dell'Unione Europea, ed operato sequestri di beni per 6,7 milioni di euro, con 2055 autori di reato deferiti all'autorità giudiziaria. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    CBD: benefici e controindicazioni

  • Benessere

    Tremolio all’occhio, perché e come evitarlo

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento