Verona, la compagnia cancella il volo ma non avvisa nessuno: deve risarcire oltre 8mila euro

Il decollo sarebbe stato previsto per il 13 aprile scorso, con partenze da Verona, Bologna e Milano-Malpensa verso la destinazione di Sharm el-Sheikh, ma dalla Neos, non era stata diramata alcuna comunicazione

Tratto del litorale di Sharm el-Sheikh (Foto web)

Si sono accorti che i loro voli erano stati cancellati solo mentre cercavano di completare la procedura di check-in online. Il decollo sarebbe stato previsto per il 13 aprile scorso, con partenze da Verona, Bologna e Milano-Malpensa verso la destinazione di Sharm el-Sheikh, ma dalla compagnia aerea, la Neos, non era stata diramata alcuna comunicazione per avvertire i passeggeri dell’avvenuta sospensione del viaggio.

A farsi portavoce di un gruppo di amici appassionati di immersioni che avevano programmato di trascorrere la vacanze di Pasqua nel paradiso dei sub è stato un signore padovano, che ha chiesto l’intervento dell’Adico, Associazione difesa consumatori, affinchè alla comitiva venga riconosciuto un risarcimento per i disagi subìti, nonchè per i costi in più sostenuti per gli spostamenti imprevisti. I passeggeri infatti alla fine sono riusciti a partire, ma solo dopo lunghe ed estenuanti telefonate e richieste via e-mail alla compagnia da parte dell'uomo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli undici amici sono comunque riusciti a decollare da Milano-Malpensa il 13 aprile, però senza biglietto, con tutti i disagi che ciò può aver comportato in sede di imbarco. Neos infatti aveva nel frattempo fornito i propri clienti solo del biglietto di ritorno. Tra i vari inconvenienti affrontati i passeggeri hanno anche dovuto far scalo a Hurghada, senza considerare il fatto che anche chi, tra loro, sarebbe dovuto partire da Verona o Bologna è stato costretto, all’ultimo momento, a raggiungere Milano. La richiesta avanzata, tramite immediata diffida, dallo staff legale di Adico alla compagnia aerea è di vedersi riconosciuto un risarcimento di 800 euro a passeggero, quindi in tutto 8mila 800 euro per il gruppo. “A tutti coloro che si trovassero coinvolti in disavventure simili – ricorda Carlo Garofolini, presidente Adico – consiglio sempre di contattare lo Sportello Vacanza Informata. Chiamate l’Adico in orario di ricevimento dal lunedì al giovedì dalle 9 alle 12e30 e dalle 15 alle 18e30 e il venerdì dalle 9 alle 12e30″.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Aifa autorizza la sperimentazione sul vaccino anti Covid-19: si farà a Verona

  • Il post Facebook del sindaco di Verona Sboarina sul virus e gli sbarchi dei migranti

  • Scuola, ecco il calendario per il Veneto: si parte il 14 settembre, si chiude il 5 giugno

  • Orologio da 40 mila euro rubato in gioielleria a Verona: padre e figlio in manette

  • Coronavirus: boom di contagiati in Veneto, fra cui pochi veronesi

  • Morto a 37 anni sulla A22, l'appello della moglie: «Cerco testimoni dell'incidente»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento