menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La sede del Comando della polizia municipale di Verona, in via Del Pontiere

La sede del Comando della polizia municipale di Verona, in via Del Pontiere

Verona, il Comando dei vigili urbani cade a pezzi: da anni si attende un restauro totale

L'allarme di sabato scorso fa tornare alla ribalta la situazione della sede della Municipale, in via Del Pontiere: alcuni calcinacci si sono staccati dalla facciata principale cadendo a terra

Alcuni cittadini rivolgendosi allo sportello dopo il cancello avevano chiesto se rischiavano qualcosa, superando le porte degli uffici. Al Comando della polizia municipale di via Del Pontiere lo scorso week-end si sono verificati alcuni crolli di calcinacci e subito si è corso ai ripari. Via, quindi, ai lavori di parziale risanamento delle mura e dei soffitti dell’ex convento San Domenico, che di anni ne ha quasi 500 e ospita da tempo il Corpo dei vigili urbani veronesi. In pieno centro, l’edifico storico è però piuttosto malandato e prova ne è stato il crollo di sabato scorso, sulla facciata principale. I pompieri intervenuti per metter in sicurezza la zona hanno lavorato non poco con scalpelli e picozze per staccare tutte le parti a rischio. Umidità e mura antiche, pessimo connubio per iLa segnalazione dei cedimenti ha fatto ben presto il giro della città, così sono partite le ispezioni e le richieste di chiarimento. In molti punti, come segnalano i quotidiani locali, si sono verificati rigonfiamenti: dall’intonaco delle pareti ai controsoffitti. Tutto sembra essere pericolante, anche se solo una stanza, la vecchia “sala di rappresentanza” è stata dichiarata inagibile, nel corso degli anni, per il soffitto messo male.

Vuoi per spirito d’adattamento o per un qualche senso di “omertà”, gli agenti della Municipale non segnalano i modi e i luoghi dove sono costretti a lavorare, quando non sono per strada. In realtà la situazione dell’ex convento è sotto agli occhi di tutti e di questo la Municipale non può che rammaricarsene. Accogliere residenti, cittadini e turisti nella malridotta sede di via Del Pontiere non è il migliore dei biglietti da visita. Come spiega L’Arena, si discute da tempo di far traslocare palette, divise e monitor di sorveglianza in luogo più consono. Si parlava dell’ex edificio Biasi, a Borgo Roma, idea poi abbandonata per i costi di sistemazione. L’ipotesi più lungimirante è che il Comune ottenga dal Ministero della Difesa l’uso gratuito di una caserma militare dismessa. Anche dell’ex Gasometro, sulla parte libera dell’area di parking, si era discusso. Prendendo il “toro per le corna”, la Giunta del sindaco Flavio Tosi aveva scelto, a febbraio, di avviare il restauro della sede storica. Una stima iniziale prevede l’impegno di almeno 1,2 milioni di euro. Lo stanziamento del Comune, per ora, ne mette a disposizione 500mila. Dopo le verifiche di rito di adeguabilità sismica si potrà procedere al bando di gara e all’assegnazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento