Verona, colpo di scena dal Riesame: vizi formali sui domiciliari. La moglie di Giacino torna in libertà

Attesa la decisione da Veneiza anche sulla richiesta di domiciliari per l'ex vicesindaco, detenuto in una cella dell'infermeria del carcere di Montorio Veronese dal 17 febbraio, perchè accusato di corruzione e concussione

Il Tribunale del Riesame fornisce il primo colpo di scena sulla vicenda Giacino: Alessandra Lodi, moglie dell'ex vicesindaco di Verona torna in libertà. La misura degli arresti domiciliari, a cui era stata sottoposta tre settimane fa, in concomitanza con l'ingresso in carcere del marito ex braccio destro del sindaco Flavio Tosi, è decaduta per vizi formali. In pratica sarebbero state commesse violazioni alle procedure per arrivare all'arresto.

Questo l'esito del ricorso presentato dagli avvocati della donna, Filippo Vicentini e Apollinare Nicodemo, ai magistrati di Venezia. Non si esclude un secondo colpo di scena nelle prossime ore, dato che è attesa la decisione del Riesame anche sulla richiesta di domiciliari per Vito Giacino, detenuto in una cella dell'infermeria del carcere di Montorio Veronese dal 17 febbraio, perchè accusato di corruzione e concussione.

Proprio i due coniugi si sono rivisti per la prima volta giovedì, in sede di incidente probatorio, nell'aula al primo piano del tribunale di Verona. Giacino e Lodi hanno infatti assistito alla testimonianza dell'imprenditore di Legnago Alessandro Leardini: dalle sue accuse si era scatenata l'inchiesta che ha portato i notevoli guai alla coppia. Un lungo confronto, durato circa otto ore, nel quale il costruttore ha confermato tutte le accuse nei confronti del politico, al quale avrebbe pagato oltre 600mila euro di tangenti per presunti favori immobiliari, di cui una quota attraverso lo "stratagemma" delle consulenze alla moglie avvocato.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio Covid: regioni gialle, arancioni o rosse? In arrivo cambiamenti

  • Covid, ecco il "tampone multiplex": a Negrar un unico test per riconoscere tre diversi virus

  • Terapia anti-Covid scoperta dall'università di Verona, l'Fda la autorizza

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • Tragico scontro tra auto e camion nella Bassa: morto un trentenne

  • Ordinanza Zaia: si può passeggiare al lago o in montagna? Mascherina, multe ai gestori locali

Torna su
VeronaSera è in caricamento