menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Verona, almeno un colpo per notte: banda del tombino totalizza migliaia di euro

Assalti a tabaccherie, supermercati e bar. Gli obbiettivi più a rischio sono videopoker e cambiamonete ma i ladri non snobbano nemmeno i prodotti facili da rivendere come le stecche di sigarette. A Villafranca spariscono profumi per 13500 euro

Ormai è una costante. Ogni notte la "banda del tombino" colpisce da qualche parte. Dalla Bassa al Villafranchese o nell'Est, i carabinieri sono continuamente interpellati per fare chiarezza sui colpi a tabaccherie, bar e supermercati. La mosse dei ladri è la più semplice che esista: pesante tombino di ghisa scagliato contro le vetrate dei negozi e poi il fuggi-fuggi scassinando videopoker, macchinette cambiasoldi e arraffando quello che si può rivendere facilmente. Tre i casi di furto di notevole entità denunciati nelle stazioni dei carabinieri negli ultimi giorni. Il più recente è accaduto lunedì notte, al "Bar Sport" in via Belle Arti a Cerea. Nessun allarme è scattato e nel locale non sono presenti telecamere installate, dunque i proprietari se ne sono accorti solamente martedì mattina, all'apertura. Secondo la ricostruzione, i furfanti avrebbero spaccato la porta con il tombino aprendosi un varco e, una volta all'interno del bar, hanno scassinato una macchinetta cambiamonete e una slot machine. Il colpo ha fruttato almeno 9mila euro e altri duemila sono derivati dal furto di alcune stecche di sigarette.

Spaccata con il tombino anche a Bovolone, domenica notte. Verso le 2e30 alcuni ignoti avrebbero assaltato il bar "Caffetteria del Corso" in via Garibaldi. Anche qui l'obbiettivo era l'area "ricreativa" del locale. Nella sala giochi sono spariti gli incassi di due videopoker e un cambiamonete. Totale 3mila euro. In questo caso sarebbe scattato l'allarme ma prima che arrivassero i carabinieri i ladri se l'erano già data a gambe.

Non con il tombino ma con un semplice grimaldello, alcuni ladri sono entrati nel supermercato "Iperfamila" di Villafranca, in via Borgobello. Scassinando il maniglione della porta antipanico, verso le 2e30, sono penetrati nel negozio dirigendosi verso la rivendita di profumi. Qui hanno razzìato tutto il possibile. Dagli scaffali sono spariti almeno 300 tra flaconi, bottigliette di profumo e prodotti di bellezza generici. Il danno ammonta a circa 13mila e 500 euro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento