Cronaca Bussolengo / Vicolo Padri

Verona, centri massaggi a luci rosse: il "relax" era fornito da giovani prostitute cinesi

In piena flagranza di reato sono state ritrovate due ragazze con i clienti, mentre nei guai, con l'accusa di sfruttamento della prostituzione, sono finiti il proprietario del locale e la sua più stretta collaboratrice

Le voci, in paese, circolano rapidamente e, con esse, anche i malumori. Qualcuno di certo non vedeva di buon occhio il via-vai di persone nel centro massaggi in vicolo Padri a Bussolengo. Di sicuro l'indiscrezione era giunta fino ai carabinieri che hanno deciso di vederci chiaro. Le investigazione al centro benessere "Yang Guang" erano partite giorni fa ma il blitz dei militari è arrivato martedì scorso. In piena flagranza di reato sono state ritrovate due giovani ragazze cinesi, mentre nei guai, con l'accusa di sfruttamento della prostituzione, sono finiti il proprietario del locale, Yu Wenkuau, e la sua più stretta collaboratrice, Chen in Xiu, entrambi 35enni e connazionali. Tutti i locali sono stati posti sotto sequestro. I carabinieri hanno ricostruito la vera attività del centro benessere dopo alcuni accertamenti. Come spiega il Corriere del Veneto, non sono bastate le cautele per mascherare ciò che le "massaggiatrici" facevano veramente nei locali "del relax".

I cosiddetti massaggi erano, in realtà, solo il preambolo. Preliminari a tutti gli effetti. L'attività si serviva del diploma di una massaggiatrice professionale per figurare in regola. Cospicuo il numero di clienti che si rivolgevano al centro massaggi e che pagavano le prestazioni secondo un preciso tariffario. Gli arrestati sono persone già note alle Forze dell'ordine ed erano finite nel mirino dei carabinieri per attività analoghe, quindi illegali, in un altro centro benessere del Veronese.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, centri massaggi a luci rosse: il "relax" era fornito da giovani prostitute cinesi

VeronaSera è in caricamento