Cronaca Via Barana

Verona, carabinieri si fingono turisti e stanano due pusher di eroina

Dopo le svariate segnalazioni dei cittadini su un presunto giro losco a Porta Vescovo, i militari si sono appostati e hanno pedinato per ore una coppia di tunisini. Identificato anche l'acquirente

Si sono appostati alla fermata dell'autobus fingendosi turisti in attesa di un mezzo di trasporto. Non appena hanno visto lo scambio della droga, sono intervenuti bloccando acquirente e presunti spacciatori. Si è conclusa a Porta Vescovo, con l’arresto di due tunisini un’attività di osservazione e pedinamento effettuata dai carabinieri del Nucleo operativo Radiomobile di Verona nei pressi di Porta Vescovo.

In particolare i militari dell’Arma, dopo aver pedinato i due giovani di 21 e 27 anni, li avevano notati nei pressi di via Barana mentre stavano cedendo eroina a un italiano di 44 anni. L'operazione ha concluso così le segnalzioni di acluni cittadini, che da alcuni giorni notavano uno strano andirivieni di persone nella zona.

Non appena hanno visto l’ennesimo scambio, hanno deciso di controllare l’acquirente che aveva ancora in tasca l’eroina e bloccare i due tunisini, i quali, nonostante si fossero accorti del blitz, non hanno avuto il tempo per scappare. Ai due sono stati sequestrati soldi e un cellulare, con cui avevano ricevuto le chiamate dei clienti. Condotti negli uffici della caserma di via Salvo d’Acquisto, sono stati dichiarati in stato di arresto per spaccio di sostanze stupefacenti e, dopo una notte in camera di sicurezza, condotti in tribunale. Il giudice ha applicato ai due otto mesi di reclusione ed euro 2mila di multa, sospendendo la pena.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, carabinieri si fingono turisti e stanano due pusher di eroina

VeronaSera è in caricamento