menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Verona, cantieri in città, il Pd: "La programmazione dei lavori è un disastro che crea solo disagi"

Secondo i consiglieri dell'opposizione in Comune esiste un piano sballato che favorisce opere "superflue" come il parcheggio all'ex Gasometro e non garantisce velocità nelle zone delicate, come alla Croce Bianca

"Ricordiamo tutti i turni notturni a cui la prima amministrazione Tosi costringeva le ditte incaricate dell'asfaltatura delle strade. All'allora assessore Paolo Tosato era infatti demandato il compito di dimostrare la supposta superiorità del sistema di governo padano in una città medio grande come Verona. Ora non diciamo che bisogna tornare a quegli eccessi (che chissà quanto ci sono costati!), ma nel giro di pochi anni siamo passati dai cantieri lampo a quelli lumaca". A commentare il calendario dei lavori stabilito dal Comune sono i consiglieri del Partito Democratico, Michele Bertucco, Fabio Segattini e Stefano Vallani. Secondo gli esponenti del centrosinistra di Palazzo Barbieri, l'intervento ("in un punto così critico per la viabilità cittadina") in Croce Bianca "avrebbe meritato una programmazione migliore con un paio di turni lavorativi anche al sabato. Invece il cantiere è stato aperto il venerdì, abbandonato per l'intero fine settimana e ripreso soltanto il lunedì successivo. In una situazione simile si trovano tanti altri cantieri e micro-cantieri sparsi in molti altri punti critici della viabilità cittadina".

Continuano i democratici di Verona: "Dove invece i lavori proseguono a spron battuto, seppure in assenza di particolari urgenze, è all'ex Gasometro. Ma diciamoci la verità: che sia portata a termine un mese prima o un mese dopo, quest'opera non cambierà la vita di nessuno dei cittadini veronesi. Si tratta infatti di un parcheggio superato dalla storia, né carne né pesce: non è uno scambiatore né un parcheggio che possa togliere le auto dal centro storico. Stando alle promesse dell'assessore alla Mobilità, Enrico Corsi, avrebbe dovuto vedere i mercatini di Natale, ma non ha visto nemmeno la prima in Arena". E da qui l'invito: "Invitiamo l'amministrazione a sintonizzarsi di più sui reali bisogni dei cittadini e dei commercianti che maggiormente risentono di questi disagi, effettuando una programmazione degli interventi che tenga conto in primo luogo delle loro esigenze e meno dell'interesse politico a portare a compimento opere bandiera che spesso sono di scarsa o nulla utilità".

In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento