Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca Torri del Benaco / Località Coi

Verona, camino sprigiona fuoco e fiamme: allarme a Torri. Famiglia sgomberata, rustico distrutto

Il surriscaldamento della canna fumaria provoca l'inferno per ore in un piccolo borgo del gardesano. Il sottotetto di legno diventa un cerino. Paura per le case adiacenti. Solo all'alba si riesce a calmare il rogo

Allarme notturno sul Garda che ha rischiato di sfociare realmente in un dramma. Ambulanze, vigili del fuoco, carabinieri e volontari della Protezione civile hanno dovuto convergere a Coi, piccolo borgo tra Torri del Benaco e Albisano per un incendio divampato alle 23 in un’abitazione. All’interno c’erano i proprietari, Angelo Pippa, e la moglie Teresa Vedovelli che stavano cenando in compagnia di alcuni amici nella taverna. Sono stati quest’ultimi, usciti per fumare una sigaretta, ad accorgersi che il camino sprigionava fiamme e fumo. L’intervento tempestivo dei soccorsi ha permesso che non ci fossero feriti ma in poche ore il tetto è andato distrutto.

Un incendio violento, dunque, dovuto anche alla presenza del sottotetto in legno. I vigili del fuoco e la Protezione civile hanno lavorato fino alle 5 del mattino ma alla fine hanno dovuto dichiarare l’inagibilità del rustico che, come spiega L’Arena, è stato ristrutturato dieci anni fa.

I pompieri e i volontari non hanno potuto utilizzare l'autocisterna e sono stati costretti ad usare un carrello con botti della protezione civile sistemato a valle e fare da spola fino alla casa. «Abbiamo perso tutto», spiega sconsolato Stefano Pippa, il figlio dei proprietari della casa andata a fuoco, giunto sul posto poco dopo l'allarme.

«Quello che non ha bruciato il fuoco lo ha fatto il fumo che ha annerito i muri e impregnato ogni cosa. I vigili del fuoco, ahimè, non avevano i mezzi adatti per arrivare fin qui. Purtroppo si è perso del tempo prezioso: appena arrivati i soccorritori c'era un focolaio di poco più di un metro quadrato ma con il passare del tempo si è allargato fino a distruggere tutto il tetto».

Il sospetto è che l'incendio sia stato provocato dal surriscaldamento di una canna fumaria su cui non era stata fatta manutenzione di recente. Per alcuni attimi si è temuto che l’incendio si propagasse alle abitazioni vicine. Come quella della famiglia che vive a fianco ed è stata sfiorata dal rogo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, camino sprigiona fuoco e fiamme: allarme a Torri. Famiglia sgomberata, rustico distrutto

VeronaSera è in caricamento