menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Verona, cala il sipario su "Infinitamente": tutto esaurito con le 25mila presenze alla sesta edizione

Oltre 200 i protagonisti che hanno animato i 113 eventi in cartellone: neuroscienziati, fisici, biologi, genetisti, medici, letterati, archeologi, storici dell’arte, psicanalisti, psicologi. Più di 10 mila spettatori

Si è chiusa con oltre 25mila presenze la sesta edizione di “Infinitamente”, il festival di scienze e arti realizzato dall’università di Verona in collaborazione con il Comune e il Consorzio “Verona Tuttintorno”, conclusosi nei giorni scorsi. Oltre 200 i protagonisti che hanno animato i 113 eventi in cartellone, fra cui 54 relatori (24 dei quali appartenenti al Corpo accademico dell’Università di Verona): neuroscienziati, fisici, biologi, genetisti, medici, letterati, storici, filosofi, archeologi, storici dell’arte, psicanalisti, psicologi. Più di 10 mila spettatori hanno assistito ai 75 focus e conferenze inseriti in programma; tutto esaurito anche per gli eventi musicali e teatrali ospitati al Teatro Ristori e al Teatro Nuovo; oltre 800 i partecipanti ai 20 laboratori del sabato e della domenica, tra cui numerosi bambini. Numeroso anche il pubblico che ha seguito virtualmente il festival, con 110mila collegamenti al sito ufficiale della manifestazione.

“Un bilancio più che positivo – afferma il consigliere comunale incaricato alla Cultura, Antonia Pavesi – con un’affluenza di visitatori che non solo cresce di anno in anno, ma attira un pubblico sempre più variegato, grazie alle proposte multidisciplinari in programma. Al di là dei numeri – aggiunge Pavesi – questa edizione del festival conferma il successo di una formula basata sulla collaborazione tra enti per il bene della città”. Soddisfatto del bilancio del festival anche il rettore Nicola Sartor che, tra gli obiettivi dell’università, sottolinea “la creazione di momenti di divulgazione scientifica e diffusione culturale aperti a tutta la città”. Sartor ha sottolineato “la completa gratuità del festival e il suo essere multidisciplinare, caratteristiche che fanno della manifestazione un valore aggiunto anche per il turismo tradizionale”.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento