Verona, brividi nel canale di prima mattina: dall'acqua emerge cadavere incagliato tra gli alberi

La salma, dopo il recupero durato circa un'ora, è stata trasferita all'Istituto di Medicina legale del policlinico di Borgo Roma per l'autopsia già disposta dal magistrato di turno. Si consultano archivi delle persone scomparse

foto archivio

È emerso dalle acque dell'Adige, e subito è stato diramato l'allarme. Il cadavere di un uomo è stato recuperato in un canale afferente al fiume principale, ad Albaredo d'Adige, in località Motta. Il corpo, recuperato dai vigili del fuoco martedì mattina, verso le 8e30, è stato individuato da un passante. Era incagliato tra alcuni alberi galleggianti Il cadavere, appartenente ad un maschio di età compresa tra i 50 e i 60 anni e di corporatura robusta, era in avanzato stato di decomposizione essendo entrato nel processo di "saponificazione" data la lunga permanenze in acqua. Difficile dunque riconoscere i lineamenti dell'uomo.

La salma, dopo il recupero durato circa un'ora, è stata trasferita all'Istituto di Medicina legale del policlinico di Borgo Roma per l'autopsia già disposta dal magistrato di turno. Non presenta apparenti segni di violenza e le indagini dei carabinieri si concentreranno inizialmente nella consultazione degli archivi delle persone scomparse. Non è detto nemmeno che sia veronese o l'ingresso in acqua sia avvenuto in una località della provincia. Potrebbe trattarsi anche di una persone residente in Trentino.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 15 al 17 novembre 2019

  • Maltempo a Illasi: «Situazione ancora critica, preoccupa il livello del Progno»

  • È di Stallavena il secondo panettone artigianale più buono d'Italia

  • Guai per una cooperativa: scovati 240 lavoratori irregolari e 7 in "nero"

  • Rapina finita nel sangue: chiude il centro del paese per ricostruire l'omicidio

  • McDonald’s: apre il ristorante di Bussolengo

Torna su
VeronaSera è in caricamento