menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Verona, blitz nell'allevamento-lager: la Forestale sequestra 40 cani e 4 gatti di razza rinchiusi

Gli animali, tra cui diversi cuccioli, erano rinchiusi in piccole gabbie di metallo abilmente coperti da teli oscuranti per evitare guaiti e confinati in recinti sommersi dal fango e dai loro stessi escrementi

Altri presunti terribili maltrattamenti sugli animali. Quaranta cani e quattro gatti sono stati sequestrati dal personale del Comando provinciale di Verona del Corpo forestale dello Stato, intervenuto su segnalazione della Lav, in un allevamento di cani alla periferia di Verona. I Forestali si sono trovati di fronte a un vero e proprio "allevamento-lager": i cani e i gatti erano rinchiusi in piccole gabbie di metallo, in totale contrasto con la loro natura, abilmente coperti da teli oscuranti per evitare guaiti e confinati in recinti sommersi dal fango e dai loro stessi escrementi. "Condizioni disumane, vergognose, da accapponare la pelle. Mi sono vergognato io stesso per le condizioni disumane in cui questi poveri animali erano ridotti" ha commentato il comandante della Forestale di Verona, Isidoro Furlan, entrando negli spazi di via Sasse, zona San Michele Extra.

Si tratta di 19 pinscher (tra cui sette cuccioli di età inferiore ad un mese), 4 Chihuahua, 7 pastori tedeschi, 4 Labrador, 6 cuccioli di diverse razze e 4 gatti siamesi. Tutti gli animali sono stati visitati dal veterinario ausiliario di polizia giudiziaria, che  ha riscontrato diverse patologie e traumi a carico di alcuni animali, ad esempio fratture che potrebbero essere la conseguenza di maltrattamenti pregressi.

PICCHIATI, FERITI E IN BALIA DI TOPI E RIFIUTI: ORA ATTENDONO CASA

La titolare dell'allevamento, una 50enne trentina, durante le verifiche, si è sottratta più volte alle richieste dei Forestali circa la documentazione di possesso e le autorizzazioni relative alla gestione degli animali. La stessa ha cercato di nascondere alcuni cuccioli appena nati, occultandoli tra i cumuli di rifiuti. Per quanto sopra descritto la presunta responsabile è stata denunciata all'Autorità Giudiziaria competente presso il Tribunale di Verona e dovrà rispondere dei reati di maltrattamento di animali e detenzione in condizioni incompatibili con la loro natura.
Gli animali sono stati consegnati in affido giudiziario alla sede Lav di Verona per le necessarie cure.

IL VIDEO DIFFUSO DALLA FORESTALE

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento