Contraffatta la birra di Homer Simpson: 12000 confezioni sequestrate dalla Finanza

La bevanda resa celebre dalla serie animata "The Simpsons" è stata trovata in commercio in diversi esercizi del veronese. Il marchio però è di proprietà della Twentieth Century Fox ed è legittimamente stampato solo sulle confezioni in vendita presso gli Universal Studios di Orlando, in Florida.

Le confezioni riportavano il classico segno distintivo, la lettera R cerchiata, che certifica la regolare registrazione di un marchio. Il prodotto era noto e conosciuto, visto che il principale consumatore di quella birra, la "Duff Beer", è Homer Simpson, il particolare capo famiglia della nota serie di animazione statunitense, "The Simpsons".

Ma nessuna registrazione o autorizzazione era stata concessa per la produzione e la commercializzazione di una birra, venduta in bottiglie e lattine da 33 centilitri, la cui etichetta riproduceva peraltro in toto, le immagini realizzate presso gli studi della nota casa cinematografica americana Twentieth Century Fox, ideatrice e detentrice dei diritti di sfruttamento sulla birra di Homer e legittimamente stampate solo sulle confezioni in vendita presso gli Universal Studios di Orlando, in Florida.

La Guardia di Finanza di Verona, dopo aver riscontrato l’irregolare commercializzazione del prodotto in alcuni esercizi commerciali di Bussolengo, Cerea, Belfiore e Villafranca di Verona (VR), ha proseguito gli accertamenti presso un deposito di distribuzione di San Martino Buon Albergo (VR), e poi nei confronti di due importatori della bevanda in Italia, a Torino e San Mauro Pascoli, in provincia di Forlì-Cesena.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Complessivamente, sono state sequestrate quasi 12.000 confezioni, tra bottiglie e lattine e, contestualmente, è stata accertata la commercializzazione irregolare di altre 96.000 confezioni. I responsabili della truffa commerciale sono stati segnalati alle competenti Autorità Giudiziarie, per la vendita di prodotti riportanti segni mendaci, idonei a trarre in inganno l'acquirente a causa della indiscutibile somiglianza con il prodotto originale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal reparto Covid-19 di Borgo Trento: «Sappiamo cosa ci aspetta per i prossimi mesi»

  • Quanta acqua devo bere al giorno? Ecco quello che non sapevi

  • Lo studio a Negrar: «Minore è la quantità di virus, meno gravi i sintomi della malattia»

  • Sono due trentenni in grave difficoltà economica i genitori del bimbo abbandonato a Verona

  • Contro gli assembramenti, provvedimenti diversificati e "zone rosse" a Verona

  • Un morto ed un ferito per un incidente motociclistico a Caprino Veronese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento