menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'auto utilizzata dai borseggiatori algerini per scappare dopo il borseggio

L'auto utilizzata dai borseggiatori algerini per scappare dopo il borseggio

Verona, banda di borseggiatori in trasferta fanno il colpo in pizzeria: arrestati grazie a un clochard

Turista cagliaritano si stava concedendo un momento di ristoro in un locale di vicolo Ghiaia, a Verona, quando si è accorto di essere stato “alleggerito” del contante che aveva nel proprio borsello

E' stato un senzatetto, stavolta, a dare una mano alla città. O meglio, alla polizia di Verona. Gli agenti della squadra Volanti sono intervenuti nel primo pomeriggio di mercoledì per un furto consumato in una pizzeria del centrale vicolo Ghiaia, riuscendo, anche grazie al prezioso contribuito di un clochard, a rintracciare i responsabili.

Erano circa le 14 quando un turista, originario di Cagliari, che insieme alla famiglia si stava concedendo un momento di ristoro in pizzeria, si è accorto di essere stato “alleggerito” del contante che aveva nel proprio borsello. L'uomo, credendo che il giubbino sopra al portafogli fosse di un parente a tavola con lui, si è insospettito quando, proprio poco dopo che gli avventori seduti al tavolo a fianco se ne erano andati, ha visto il borsello scoperto. In effetti, controllando al suo interno, ha scoperto che i soldi erano scomparsi. Avendo capito cos'era successo, è subito uscito dal locale mettendosi a seguire i quattro individui sospetti che poco dopo ha individuato mentre si passavano di mano delle banconote e si allontanavano frettolosamente.

Una volta raggiunti, gli ha chiesto conto del maltolto, ma ne è nata una breve discussione e, dopo essere stato anche più volte spintonato, è riuscito a farsi riconsegnare i soldi. I quattro però, nonostante le sue intimazioni, non hanno espresso la minima intenzione di fermarsi per farsi riconoscere e, dopo averlo circondato e minacciato, si sono definitivamente allontanati. Giunti sul posto, i poliziotti hanno subito cominciato a perlustrate le zone limitrofe e di lì a poco hanno appreso, da un senzatetto a loro già noto, che i quattro ladruncoli si stavano dirigendo in direzione giardini di piazza Pradaval con una Mercedes grigia.

In pochi istanti un'altra pattuglia di supporto ha intercettato il veicolo sospetto nei pressi dell’incrocio di Porta Nuova. I quattro individui, subito agitati per il controllo, sono stati controllati, identificati e anche riconosciuti dal turista derubato. Si trattava di quattro algerini, residenti in Polonia. Alla luce di quanto accertato, i quattro, di età compresa tra i 33 e i 44 anni, tutti incensurati, sono stati  tratti in arresto per il reato di rapina aggravata. A bordo, inoltre, nascosto nel parasole del guidatore, è stato rinvenuto un piccolo coltello serramanico che è stato sequestrato. In attesa dell'udienza di convalida, i quattro sono trattenuti in carcere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    Pasta di legumi: benefici e ricetta

  • social

    Aperti online i Casting dello Zecchino d’Oro

  • social

    L'Acqua in uno scatto: concorso a premi

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento