Cronaca Centro storico / Piazza dei Signori

Verona, assalto ai mercatini di Natale: nel weekend oltre 40mila visitatori "benedicono" le bancarelle

Il centro è stato "assediato" da corso Porta Nuova verso via Mazzini, proseguendo per le piazze storiche dove le bancarelle si mettono in mostra da sette anni. Pienone in piazza Signori, Cortile del Mercato Vecchio, del Tribunale, in piazza Erbe e Bra

Dopo l’annuncio sulla programmazione dei moltissimi eventi che animeranno il Natale 2014 in città e provincia arriva la prima giornata da pienone per i mercatini invernali. Già un primo test era stato utile per intuire quanti sarebbero accorsi tra venerdì e domenica all’apertura e così la polizia municipale di Verona aveva predisposto il piano del traffico per evitare ingorghi e disagi. Va da sé che data la gran quantità di visitatori qualche rallentamento c’è stato. In auto come per i pedoni. Si stima che nei tre giorni del weekend siano arrivati almeno 40mila tra curiosi e appassionati.

NATALE 2014, TUTTI GLI EVENTI ORGANIZZATI IN CITTA' E PROVINCIA

Il centro è stato così assediato da corso Porta Nuova verso via Mazzini, proseguendo per le piazze storiche dove le bancarelle si mettono in mostra da sette anni. Piazza Signori, Cortile del Mercato Vecchio, Cortile Tribunale, piazza Erbe, la Bra. Un lungo ed incessante via-vai per entrare nei negozi e accantonare i primi regali di Natale o anche solo per bere un buon vin brulè e addentare un “tradizionale” panino con salsiccia di Norimberga. E come spiega L’Arena, il Comune, che prepara gli eventi natalizi da un anno all’altro, sorride e sancisce la definitiva posizione di Verona nel panorama delle città imperdibili durante l’inverno. Se la rassegna promette bene anche tutte le altre manifestazioni sono di indubbio richiamo.

Come quella dedicata al Monte Veronese, andata in scena in piazza Erbe, con degustazioni e attività per i più piccini. Per un giorno infatti la piazza si è trasformata in un vero e proprio laboratorio artigianale per la produzione di formaggio che ha visto protagonisti anche tanti bambini al fianco di esperti casari. La Banca Popolare di Verona, in collaborazione con il Consorzio Monte Veronese, ha portato “Il formaggio in piazza” con l’obiettivo di riscoprire e valorizzare l’unicità dell’antico mestiere del casaro. Oltre 200 bambini hanno partecipato a laboratori ludico-didattici sotto la guida di produttori locali: un incontro tra diverse generazioni che ha permesso di conoscere i segreti che ci sono alla base della produzione di questa eccellenza tutta italiana che è stata molto apprezzata da migliaia di veronesi.

Nell’arco della giornata in piazza Erbe sono stati distribuiti oltre 200 chili di formaggio Monte Veronese Dop, permettendo di raccogliere fondi preziosi a favore di due associazioni del territorio. “Il formaggio in piazza” è stato così anche un momento di solidarietà con la presenza degli stand del Banco Alimentare e della Ronda della Carità che hanno raccolto circa 3mila euro, grazie alle offerte dei partecipanti che, a fronte del loro contributo, hanno ricevuto un taglio di Monte Veronese.

Poi per i più piccoli è stata irrinunciabile la visita a Babbo Natale: il noto personaggio si è accasato in Cortile Mercato Vecchio e ha abbracciato volta per volta le decine di bambini che non aspettavano altre se non di farsi fotografare con lui.

MERCATINI DI NATALE, SI COMINCIA: IL PIANO DEL TRAFFICO CON DIVIETI E DEVIAZIONI

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, assalto ai mercatini di Natale: nel weekend oltre 40mila visitatori "benedicono" le bancarelle

VeronaSera è in caricamento