menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Verona, arriva a bordo della sua auto e mette giù le tre ragazze sue "protette": arrestato un 67enne

Un'altra operazione antiprostituzione andata a segno per i carabinieri del Villafranchese. A farne le spese un residente di Sommacampagna, beccato in flagrante, dopo giorni di appostamento. Una lite fra ex, poi, costa l'arresto a un 42enne

Tra i primi obbiettivi del suo comando a Villafranca è subito entrato il monitoraggio costante delle strade della prostituzione. Analogamente a quanto accadde a Peschiera, anni fa, gli uomini del capitano Fabrizio Massimi continuano a pattugliare in lungo e largo la porzione di provincia di propria competenza. E la particolare attenzione si è concentrata sulla Regionale 11. Più volte, nelle scorse settimane, i carabinieri sono riusciti a beccare in flagrante i protettori che accompagnavano giovani ragazze a prsotituirsi. Non fa eccezione l'operazione della notte di giovedì, quando i militari di Sommacampagna hanno arrestato un 67enne veronese, responsabile di favoreggiamento della prostituzione.

Dopo numerosi servizi notturni di appostamento lungo la Statale, lo hanno fermato mentre con la sua Citroen C5 di colore nero stava mettendo giù tre ragazze dell'Est Europa in località La Presa, del comune di Sona. Il 67enne è stato identificato e arrestato, mentre per le tre giovani verrà richiesta l’emissione di un "foglio di via obbligatorio" da Sona. Questa operazione si aggiunge, appunto, alle ultime fatte nei giorni precedenti, che ha visto i carabinieri arrestare altri due sfruttatori, per gli stessi fatti.

LITE TRA EX - Nel pomeriggio di giovedì invece una una presunta lite fra ex è costata, a un 42 enne tunisino residente a Trevenzuolo, l’arresto per resistenza e violenza a pubblico ufficiale nei confronti di una pattuglia di militari della stazione di Vigasio intervenuti per riportare la calma fra i due in una casa di Castel d'Azzano.

Il tunisino, alla richiesta di esibire i documenti, ha infatti reagito violentemente scagliandosi contro uno dei militari che è dovuto anche ricorrere a cure mediche per medicare le lesioni riportate. Dopo l’arresto è stato condotto nella propria abitazione dove rimane in regime di arresti domiciliari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Non siete soli: lettera canzone dedicata agli studenti

  • social

    La Storia di Verona: da oggi in libreria e in edicola

  • Benessere

    Melograno: antiossidante e brucia grassi, ma non solo

  • social

    4 Maggio Star Wars Day

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento