Cronaca Malcesine / Via al Lago

Verona, spacciano banconote false nei negozi: tre in arresto con 1300 euro

Malloppo da 68 riproduzioni da 20 euro trovati in possesso di tre trentenni residenti nel capoluogo scaligero. Allarme diramato da alcuni commercianti della zona. Casi anche a Bardolino e Lazise

Smerciavano banconote false a Malcesine. Un vero e proprio malloppo per un totale di 1300 euro in piccolo taglio. A risalire ai tre falsari sono stati i carabinieri della stazione locale, dopo numerose segnalazioni dei commercianti della zona. L'arresto è avvenuto nel pomeriggio di martedì 20 agosto. In tre, tutti residenti a Verona, sono finiti in manette: Frank Ampong Amani, 30enne di origine ghanese, Matteo Fusini, 31 anni, e Emanuela Ferrigno, 37enne.

Alcuni commercianti si erano insospettiti dalle non perfette proporzioni delle banconote, così avevano chiamato il 112 che poco dopo sono giunti sul posto e hanno fermato i tre a bordo di un'auto. Dagli accertamenti è stato accertato che erano gli stessi autori dello smercio di altre banconote, sempre di piccolo taglio, nella zona dei comuni di Bardolino e Brenzone oltre che Malcesine. Ritrovate in loro possesso le 68 banconote da 20 euro tutte falsificate. Per loro sono scattate le manette e sono finiti in cella per una notte in attesa del processo di convalida. Mercoledì mattina il giudice ne ha disposto la carcerazione fino alla data del processo e sono stati tradotti nel penitenziario di Montorio dove resteranno fino al 4 ottobre.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, spacciano banconote false nei negozi: tre in arresto con 1300 euro

VeronaSera è in caricamento