Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca via Corbella

Apre i battenti la nuova Casa Famiglia per anziani nella zona di Cadidavid

La struttura ospiterà 20 anziani principalmente residenti nella 5^ circoscrizione che presentino difficoltà ad essere accuditi al proprio domicilio e che necessitino di avere garantita la soddisfazione dei bisogni primari di assistenza e di socializzazione

È stata inaugurata ieri a Cadidavid, in via Corbella 14, una nuova Casa Famiglia per anziani autosufficienti. La struttura è stata realizzata dal Comune di Verona in collaborazione con Agec, Azienda Ulss 20 e Istituto Assistenza Anziani. Presenti all’inaugurazione l’assessore ai Servizi sociali Anna Leso, il presidente della 5^ circoscrizione Fabio Venturi, la presidente dell’Istituto assistenza anziani Anna Maria Leone, consiglieri comunali e di circoscrizione.

La struttura ospiterà 20 anziani principalmente residenti nella 5^ circoscrizione, ed in particolare di Cadidavid o dei territori limitrofi, che presentino difficoltà ad essere accuditi al proprio domicilio e che necessitino di avere garantita la soddisfazione dei bisogni primari di assistenza e di socializzazione. Dopo quella di via Taormina, in Borgo Milano, è la seconda Casa Famiglia aperta dal Comune di Verona in un edificio Agec, già adibito nei piani superiori ad appartamenti per anziani, che potranno usufruire dei servizi della struttura sottostante.

“Questo progetto sperimenta nuove forme di intervento, più flessibili e personalizzate - spiega l’assessore Leso - in grado di dare risposte tempestive alle diverse esigenze del contesto sociale che riguarda la popolazione anziana. Questa nuova struttura di Cadidavid prosegue la sperimentazione già avviata con successo in via Taormina a Borgo Milano, dove sono a disposizione altri 23 posti letto, sempre con il medesimo obiettivo di favorire la domiciliarità sul proprio territorio delle persone anziane”.

La Casa Famiglia per anziani è una forma di domicilio temporaneo, sostitutivo della famiglia o della propria abitazione, quando l’anziano necessiti di un periodo di collocazione protetta o a seguito di una dimissione ospedaliera, o di un temporaneo peggioramento delle sue condizioni sanitarie, o a seguito di una situazione di emergenza sociale, quale la perdita all’uso dell’alloggio o l’assenza temporanea del familiare convivente. La struttura può ancora, in taluni casi, ritardare l’ingresso in una Casa di Riposo per non-autosufficienti, quando la situazione della persona anziana richieda, nell’ambito dell’assistenza, prestazioni sanitarie compatibili con quelle erogate dal distretto socio sanitario. La domanda di ammissione va presentata direttamente all’Istituto Assistenza Anziani o ai Centri Sociali Territoriali del Comune di Verona, nel caso le persone abbiano necessità di un contributo per pagare la retta.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Apre i battenti la nuova Casa Famiglia per anziani nella zona di Cadidavid

VeronaSera è in caricamento